rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Monza meno vicina al mare di Sardegna e Sicilia: ci saranno meno voli da Milano

Ryanair ha deciso di tagliare il numero di collegamenti tra la città e l'isola dopo il decreto del governo sui voli

Ci saranno meno voli Ryanair per la Sardegna dagli aeroporti milanesi di Malpensa e Orio al Serio a partire dall'inverno. E le isole saranno quindi meno "vicine" anche per i viaggiatori monzesi e brianzoli. Lo ha reso noto la compagnia low cost nella mattinata di giovedì 7 settembre attraverso una nota in cui ha preso posizione contro il decreto voli voluto dal Governo Meloni.

Ryanair "è stata costretta oggi a ridurre dell'8% il proprio operativo invernale ‘23 per la Sardegna a seguito dell'introduzione di un decreto che fissa un limite illegale sui prezzi emanato dal Governo Italiano, a causa del quale sono state cancellate tre rotte nazionali per Trieste (da Cagliari), Bari e Treviso (entrambe da Alghero) e ridotte le frequenze su altre 7 rotte, compresi 6 collegamenti nazionali essenziali per Roma, Milano (Bergamo e Malpensa), Catania, Napoli e Venezia, oltre a Bruxelles Charleroi", si legge nella nota.

L’operativo di Ryanair sulla Sardegna per l’inverno ‘23 includerà: 2 aeromobili Boeing 737 basati e un investimento totale di 200 milioni a Cagliari (in calo rispetto ai 3 aeromobili basati questa estate; 29 rotte) Bari, Trieste e Treviso cancellate per l’inverno ‘23; Oltre 200 voli settimanali (-8% rispetto l'inverno ’22; circa 3,2 milioni di passeggeri quest’anno) 300mila in meno rispetto a quanto pianificato prima del Decreto.

L’impegno di Ryanair verso la Sardegna, sottolinea la compagnia low cost, "è sostenuto dal rapporto di lunga data con aeroporti regionali come Cagliari e Alghero, dove trasporteremo circa 3,2 milioni di passeggeri quest'anno avvalendoci di 2 aerei basati, che rappresentano un investimento di 200 milioni di dollari a Cagliari, supportando circa 2.700 posti di lavoro in loco inclusi 60 nel settore dell'aviazione, altamente retribuiti. Purtroppo Ryanair non sarà in grado di sbloccare il vero potenziale della Sardegna se il Governo Italiano continua ad introdurre unilateralmente decreti illogici ed illegali da Roma – che, come evidenziato dall’annuncio di oggi, servono solo a danneggiare la connettività insulare, in particolare nei mesi invernali non di punta, quando compagnie aeree efficienti come Ryanair in genere scontano fortemente le tariffe per stimolare la domanda".

Ryanair "chiede al ministro Urso e al Governo Italiano di abrogare immediatamente questo decreto per evitare ulteriori danni irreparabili alla connettività sarda, dando invece priorità a misure che abbassino i costi di accesso e aumentino l'offerta di posti disponibili", ha detto Jason McGuinness  chief commercial officer del colosso low cost.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monza meno vicina al mare di Sardegna e Sicilia: ci saranno meno voli da Milano

MonzaToday è in caricamento