Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Perde la vita alpinista monzese: 150 metri nel vuoto

La caduta in un crepaccio a 2500 metri di quota, in provincia di Sondrio. La vittima apparteneva alla sezione CAI di Monza ed era un ex dirigente di impresa. Amante della montagna, era solito effettuare escursioni

Si chiama Umberto Fumagalli, ed era dirigente in pensione di un'importante impresa di Monza, la vittima dell'incidente di montagna avvenuto nel pomeriggio di ieri a 2500 metri di quota nel territorio di Albosaggia (in provincia di Sondrio). Aveva 78 anni,  lascia la moglie e due figli. L'incidente alpinistico avvenuto sul pizzo Meriggio, a 2500 metri di quota . La tragedia si è verificata in una zona molto impervia e soltanto in serata i militari del Sagf della Guardia di Finanza di Sondrio hanno reso noto le generalità della vittima, una volta recuperato il cadavere e informata la famiglia. L'uomo, secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, è scivolato da un sentiero parzialmente innevato precipitando nel vuoto per circa 150 metri. Apparteneva alla sezione Cai di Monza e, da tantissimi anni, era un appassionato di escursioni in montagna che solitamente effettuava con un gruppo di 11 pensionati anch'essi iscritti al Cai Monzese, come in occasione dell'ultima scalata che gli è costata la vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perde la vita alpinista monzese: 150 metri nel vuoto

MonzaToday è in caricamento