lutto

Addio professor Narciso Silvestrini, anima dell'Isa

È morto il noto docente dell'Isa di Monza: il cordoglio e il ricordo dei suoi ex alunni

Il suo nome alla vecchia Isa – oggi liceo artistico Nanni Valentini – era un’istituzione. Così che è stato accoltao con immenso cordoglio l’annuncio della morte del professor Narciso Silvestrini. "Saremo tutti orfani delle sue meravigliose lezioni e dei suoi insegnamenti. Buon viaggio Silve... sarai sempre con noi e nei nostri pensieri”: si legge sulla pagina Facebook Isa Monza – Istituto statale d’arte.

Quello di Silvestrini non era solo un nome noto, amato (ma anche temuto) nella storica scuola superiore monzese. Una carriera costellata da prestigiosi incarichi che lo hanno visto insegnare (oltre che all’Isa di Monza) anche alla scuola del Libro all’Umanitaria di Milano, al Politecnico di Milano, alla Scuola Politecnica del Design di Milano, all’Isia di Urbino. “Studioso e ricercatore nell’ambito della geometria proiettiva – si legge sulla pagina Facebook dell’Isa Monza - Silvestrini è riuscito a congiungere, rendendole solidali tra loro, le correnti di pensiero che attorno al colore si sono divise in schieramenti opposti: quello della quantità, ossia della misurazione e del numero derivante dalle scoperte di Newton e quello della qualità, sostenuto da Goethe. Interessanti gli studi sulle forme minime piane e solide (Triangolo/Tetraedro) in rapporto al colore”.

Numerose le pubblicazioni tra cui, per la 42esima Biennale di Venezia (nel 1986) ha curato il tema del “Colour Order System”, studio e divulgazione di 70 sistemi cromatici esistenti, poi ripresi nel volume Farbsysteme in Kunst und Wissenschaff (Dumont, Koln 2003) pubblicato in collaborazione con E. Peter Fisher. Narciso Silvestrini era noto anche per il volume “Colore: codice e norma”, pubblicato in collaborazione con Ave Tornaghi nella collana Quaderni di Design curata da Bruno Munari (Zanichelli, Milano 1981).

Tantissime le dimostrazioni di affetto dei suoi ex studenti dell’Isa, che lo ricordano per la grande empatia che riusciva a creare con gli allievi, l’amore per l’insegnamento tanto da riuscire a catalizzare l’attenzione dei ragazzi anche quando la campanella suonava e la lezione era finita. “Prof Silvestrini, hai lasciato il segno… e non un segno qualunque: un segno preciso, pulito, fatto con gli strumenti adatti e con l’idea di fare bene”, scrive una ex studentessa. I funerali verranno celebrati a Milano, il 10 agosto, alle 14.45 nella chiesa del Buon Pastore in via Caboto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio professor Narciso Silvestrini, anima dell'Isa
MonzaToday è in caricamento