rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Funerali

Lunedì i funerali di Fabiola, uccisa di botte dal figlio

Ad Aicurzio sarà lutto cittadino. L'omicidio era avvenuto il 21 aprile scorso

L'ultimo saluto a Fabiola Colnaghi, 57 anni, è fissato per lunedì 2 maggio ad Aicurzio. Le esequie saranno celebrate alle 16.30 nella chiesa di Sant'Andrea e in città il sindaco Matteo Baraggia ha proclamato il lutto cittadino nella giornata in cui Aicurzio si stringerà attorno al dolore della famiglia. La donna era stata uccisa lo scorso giovedì 21 aprile dal figlio 24enne a calci e pugni, in casa. L'omicidio sarebbe avvenuto al culmine di una lite in cui la 57enne, madre di tre figli, sarebbe stata colpita e spinta contro un armadio. Una volta a terra poi il figlio avrebbe continuato a infierire con le botte sul corpo ormai senza vita della madre. 

L'omicidio

La lite era scoppiata all'ora di pranzo e si è trasformata in pochi istanti in tragedia quandoDavide Garzia, 24 anni, ha iniziato a colpire la madre - Fabiola Colnaghi, 57 anni -  fino a ucciderla. Di botte. E proprio a partire dal racconto del ragazzo gli inquirenti hanno ricostruito, attimo per attimo, come sequenze di un film dell'orrore, il delitto.

La discussione giovedì mattina è iniziata tra le stanze di casa, in quell'appartamento al primo piano di una palazzina di via Della Vittoria, ad Aicurzio. In quel paesino di poco più di duemila abitanti, nel cuore verde della Brianza, dove nessuno sembra aver sentito nulla se non le sirene delle pattuglie dei carabinieri che pochi istanti dopo mezzogiorno e mezzo hanno raggiunto la casa dove ormai la donna era a terra, nel corridoio, senza vita. A chiamarli era stato proprio il ragazzo che da quella casa non si è mosso fino all'arrivo dei militari ed è rimasto in linea con l'operatore della centrale accanto al corpo della madre che aveva appena ucciso. Ora dovrà rispondere delle accuse di omicidio e vilipendio di cadavere.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lunedì i funerali di Fabiola, uccisa di botte dal figlio

MonzaToday è in caricamento