rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Regina Pacis / Via Silvio Pellico

Ragazzini tirano sassi alle auto, i genitori li coprono: 'Erano meteoriti'

L'auto di una ragazza monzese è stata danneggiata al tettuccio. Quando lei ha chiesto spiegazioni ai genitori dei ragazzini, ha ricevuto solo risate e battutine

Non voleva né i soldi, né le scuse. Avrebbe voluto semplicemente che i genitori, gli adulti, spiegassero ai figli, i ragazzini, che certe cose non si fanno. E, invece, suo malgrado, non ha ottenuto neanche quello. Le uniche cose che ha ottenuto, si fa per dire, sono le battutine e le risatine degli “adulti”. 

C’è amarezza nelle parole di Alessandra, una trentaduenne monzese che ha deciso di raccontare al “Giornale di Monza” la sua disavventura. 

Martedì scorso, la ragazza stava tornando a casa in auto, insieme a sua sorella, in via Pellico. “All’altezza del campo sportivo - ha raccontato al giornale - abbiamo sentito un forte rumore di un oggetto che aveva colpito l’auto. Spaventate, ci siamo fermate e abbiamo scoperto l’ammaccatura sul tetto”. 

Alessandra, che aveva visto chiaramente alcuni ragazzini “giocare” con dei sassi nei pressi del centro sportivo, è entrata per chiedere spiegazioni ai genitori degli adolescenti. 

“Qui non ci sono sassaioli”, la risposta degli adulti. Poi, la “perla”: “Sarà stato un meteorite allora”. 

A quel punto Alessandra non ha potuto far altro che rientrare in macchine e tornare a casa. Con la convinzione che “ci fosse stato un passante o un passeggino sarebbe finita molto peggio. E questo va insegnato”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzini tirano sassi alle auto, i genitori li coprono: 'Erano meteoriti'

MonzaToday è in caricamento