Candele rosse e corde in un capannone abbandonato: l'ipotesi satanismo

E' stata la curiosa scoperta fatta martedì pomeriggio in un capannone dismesso di via Risorgimento alle porte di Lesmo mentre erano in corso le ricerche di una donna scomparsa da Biassono. Le foto esclusive di B&V Photographers sono state consegnate ai carabinieri

La fabbrica di via Risorgimento

Candele rosse consumate e disposte in file lungo nicchie nelle pareti scavate dall'umidità e mangiate dal tempo, corde appese a travi fatiscenti e una scritta, "Le Bestie", che riporta inequivocabilmente alla mente fatti tristi.

E' stato questo l'insolito scenario che si sono trovati davanti i volontari della Protezione Civile Monza Soccorso martedì a Lesmo, in via Risorgimento, quando, durante le ricerche di una donna scomparsa da Biassono (leggi qui l'appello per il suo ritrovamento), hanno perlustrato un capannone abbandonato.

L'esclusiva con le immagini scattate da B&V Photographers è stata pubblicata dal Corriere Milano e le fotografie di quanto è stato trovato nella fabbrica abbandonata sono state consegnate ai carabinieri di Biassono.

Spetterà alle forze dell'ordine verificare l'ipotesi del satanismo e far luce sull'accaduto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

Torna su
MonzaToday è in caricamento