La storia, raccontata con le note, di Marcelo Cesena: il «pianista di Dio»

Al Teatro Santa Valeria di Seregno domani sera un concerto dell'artista italo brasiliano per sostenere un progetto benefico: realizzare una scuola in Uganda nel nome di Luigi Giussani

Marcelo Cesena

SEREGNO – La musica? E’ come la «lanterna» evangelica: se ce l’hai dentro, non la puoi tenere nascosta. La vocazione del compositore e pianista Marcelo Cesena è tutta qui: non puoi riuscire a tenere dentro l’arte che ti sgorga dal cuore. Perché – come dice lui – la musica, è un po’ come Dio: ci lascia «feriti dalla bellezza».

Da alcuni mesi l’artista italo brasiliano è impegnato in una tournée in tutta Italia per sostenere un progetto benefico dell’Avsi: «Una scuola per la vita». Ovvero: la Luigi Giussani High School di Kirela Kampala, in Uganda. Domani sera, venerdì 25 gennaio alle 21, suonerà a Seregno. Si esibirà nel Teatro di Santa Valeria, in via Wagner, 85. Chi parteciperà e verserà un’offerta libera potrà sostenere un progetto benefico al quale questo pianista e compositore crede moltissimo. Cesena proporrà un programma che spazia tra sue composizioni e alcuni autori classici. Come il suo autore prediletto: Fryderyk Chopin.

A 43 anni, Marcelo Cesena può iniziare a guardarsi un po’ indietro, e intuire i passi di una carriera di pianista e compositore che non è stata mai facile. Prima di tutto da scoprire. Come quando, da piccolo, i suoi genitori gli facevano ascoltare per ore la musica lirica, e lui pronunciò le fatidiche, ultime parole famose: «Mai riuscirò ad amare musica del genere». Poi, a 15 anni, l’incontro della sua vita. Con un pianoforte, ridotto a soprammobile ingombrante in casa di amici. Il gesto di sedersi alla tastiera e posare le mani sulla tastiera impolverata, risvegliando quello strumento che taceva da anni, fu per lui come scoprire per quale motivo sei venuto al mondo.

Quel giorno Marcelo tornò a casa e chiese ai genitori di iscriversi al conservatorio. Papà e mamma cercarono di dissuaderlo. Ma, naturalmente, fu tutto inutile. Alla scuola di musica di San Paolo in Brasile si immerse in lezioni di teoria musicale. Solfeggi, saggi e gare. I suoi maestri ne intuirono il talento.

Ma qui il giovane pianista sentì nascere grande un’altra voce che gridava dentro di sé: quella della fede in Dio. In crisi, smise di suonare e per un po’ chiuse il coperchio con i tasti bianchi e neri. Fece un pellegrinaggio a Medjugorje. Poi si impegnò nel volontariato, occupandosi della comunità per tossicodipendenti di Suor Elvira, a Saluzzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solo alla fine, comprese che la sua «sete di Dio» poteva essere dissetata solo in un modo: parlando dell’Infinito con il linguaggio che conosce meglio di tutti: la musica. Una storia – la sua storia – che Marcelo Cesena – apolide di casa in ogni parte del mondo - racconta con sette note, un pentagramma e un pianoforte. A San Paolo, a Los Angeles dove vive da alcuni anni. In tanti comuni d’Italia. E, domani sera, a Seregno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento