Cronaca

"Non cerco vendetta": parla la mamma di Sharon, la bimba morta tragicamente a Cabiate

La donna ha messo nero su bianco i suoi pensieri in una lettera letta dai suoi avvocati

Gli avvocati Lara Citterio ed Elisabetta Fontana

Ha deciso di rompere il silenzio e parlare la mamma della piccola Sharon di Cabiate, la bimba di 18 mesi morta tragicamente lo scorso 11 gennaio. Dopo la sua morte gli inquirenti hanno arrestato il suo compagno, un ragazzo romeno di 25 anni, fermato lo scorso 23 gennaio nell'abitazione dei genitori a Lentate sul Seveso.

La giovane mamma ha deciso di parlare attraverso i suoi legali (Lara Citterio ed Elisabetta Fontana) a cui ha affidato una lettera.

La lettera della mamma di Sharon

"Sharon bambina mia, esco dal silenzio solo per te. Tu sei nella luce e non mi dimentichi... — ha scritto la donna —Dammi la forza di non arrendermi, stammi accanto ora che ho perso ogni certezza. Ti ho avuto che ero ancora ragazza e hai subito illuminato la mia vita, mi immaginavo un futuro dove saremmo cresciuto insieme...Sei tra gli angeli e vegli su di me. Come me ti fidavi e come me sei stata tradita. Non so cosa possa essere accaduto in quelle ore mentre eri a casa e io al lavoro, per me e per te. Per poter vivere dignitosamente. È stata l'unica volta che non eri con me o con mia mamma e ti ho seguita assiduamente, anche se a distanza".

"Quel maledetto pomeriggio dell'11 gennaio ho chiamato tante volte e sono stata ingannata — continua il testo —. Mi veniva detto che stavi bene ed era tutto a posto. Ma sentivo nel cuore che qualcosa non andava, ho insistito ancora per accertarmi delle tue condizioni. Mi è stata inviata una foto col telefonino e sembravi assopita e ncora una volta mi è stato ancora detto che non era niente, che eri solo fatta un pò male mentre giocavi".

"Mia bambina ti hanno portato con l'elicottero in ospedale e dopo poche ore non respiravi più — prosegue la lettera —. Improvvisi il freddo e il buio sono calati dentro di me... La persona con cui avevo messo su famiglia e che diceva di volerti bene continuava a ripetere che si trattava di un incidente domestico... Non cerco vendetta ma Giustizia. Per te. Mia amata creatura. In un pomeriggio ho perso te e la fiducia e il sentimento di chi era al mio fianco. Ho perso tutto. Mia piccola Sharon eri troppo piccola per morire da vittima. Ciao Sharon, resta con me".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non cerco vendetta": parla la mamma di Sharon, la bimba morta tragicamente a Cabiate

MonzaToday è in caricamento