Brianzolo spruzza spray al peperoncino in discoteca e scatena il panico

È successo nella discoteca Spazio di Cantù, nei guai un ragazzo di mariano Comense

La discoteca (foto da Quicomo)

Incredibile, ma vero, a soli due giorni dai tragici fatti di Ancona c'è chi ha avutola malsana idea di utilizzare lo spray al peperoncino all'interno di un locale pubblico. E' accaduto a Cantù, alla discoteca Spazio di piazza Garibaldi, nella notte tra sabato e domenica, alle 3.30 del mattino. Il fatto è stato riportato da QuiComo.

A quell'ora nel locale c'erano pochi avventori ma si è generato comunque il panico con il fuggi fuggi di tutti a causa dell'irritazione e bruciore agli occhi e alla gola provocato dalla sostanza emessa dallo spray urticante. A utilizzarlo è stato un ragazzo di 21 anni residente a Mariano Comense e di origine rumena. Il giovane si trovava nell'area fumatori quando ha usato lo spray urticante. Il proprietario del locale ha allertato i carabinieri che hanno fermato il responsabile.

Il ragazzo ha affermato di avere usato lo spray al peperoncino per difendersi da un'aggressione. I militari, però, non ha trovato riscontri alla versione del ragazzo. Se le indagini non dovessero provare che l'aggressione c'è effettivamente stata e che il ragazzo ha usato lo spray per autodifesa potrebbe scattare una denuncia per il giovane marianese.

Va detto che al momento del fatto nel locale c'erano solo una settantina di persone e che quindi la capienza della discoteca era ben rispetatta. I carabinieri di Cantù, inoltre, hanno spiegato che non sono state rilevate infrazioni alle norme di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento