menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oltre cento telefonate al giorno: lo strano modo di dire ti amo di uno stalker

I fatti a Desio

Fino a 120 telefonate al giorno. E non certo per dirle «ti amo». Un uomo di 36 anni, di Varese, è stato arrestato per stalking dai carabinieri di Desio. Nel giorno dedicato alla lotta alla violenza sulle donne.

A chiedere aiuto ai militari è stata una 37enne di Desio. Lei aspettava un bambino da quel compagno che aveva tanto amato. Eppure, aveva deciso di tagliare i ponti. Insopportabile la convivenza con un uomo violento e incapace di accettare la sua decisione. Quando lei gli aveva comunicato che il loro rapporto era finito, lui aveva perso la testa. Per convincerla a tornare con lui, la minacciava: «Ti uccido». «Ti taglio la gola». «Ti butto dal balcone». Poi c’erano gli insulti, le urla. E infine i pedinamenti fino sotto casa.

Per tanto tempo la giovane ha sopportato. Nell’aprile scorso i carabinieri avevano vietato all’ex compagno di andare a casa della donna. Ad agosto, lo avevano messo agli arresti domiciliari. Ma lui si faceva beffe delle decisioni delle autorità. Finché la 37enne, al termine dell’ennesima lite, ha chiamato i carabinieri. E i militari lo hanno arrestato.

L'ennesimo caso di cronaca che accende nuovamente i riflettori sul fenomeno della violenza di genere e invita a riflettere all'indomani del femminicidio consumatasi mercoledì a Seveso, in Brianza, dove un uomo ha strangolato e ucciso la compagna, moglie dei suoi due bambini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento