Costruzioni di moschee: per il Tar le leggi della Regione Lombardia violano i diritti

C'è un "ostacolo all'esplicazione del diritto di libertà religiosa", secondo il Tribunale

Repertorio

La "mancata previsione, da parte della norma regionale" lombarda, "di tempi certi di risposta alle istanze dei fedeli interessati" alla costruzione di una moschea su un territorio comunale crea una situazione di "attesa a tempo indeterminato e di incertezza" che è un "ostacolo all'esplicazione del diritto di libertà religiosa".

Lo scrive il Tar della Lombardia in una sentenza con cui ha sollevato la questione di illegittimità costituzionale della legge lombarda 'per il governo del territorio' del 2005 in relazione ad alcune norme, esprimendosi sul caso del no da parte del Comune di Sesto Calende (Varese) alla realizzazione di un luogo di culto islamico.

In sostanza, i giudici amministrativi, a seguito del ricorso dell'Associazione comunità islamica ticinese in una vicenda che va avanti da anni, hanno evidenziato profili di "incostituzionalità" della normativa regionale ulteriori rispetto a quelli già messi in luce in una recente sentenza sul caso del no ad una moschea a Castano Primo, nel Milanese.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento