Ferrovie Nord regala i suoi vecchi treni

Si tratta di vagoni costruiti prima degli anni Ottanta e non più utilizzabili sulle linee ferroviarie

Sono state costruite prima degli anni Ottanta, hanno portato avanti e indietro sui binari tra milanese e varesotto studenti e lavoratori. Forse su quei sedili è nato anche qualche amore. Ora sono abbandonate al loro destino nei depositi di Trenord e davanti a loro hanno un bivio: o qualcuno le ritirerà e le riporterà a nuova vita, altrimenti verranno demolite. È il destino delle carrozze delle Ferrovie Nord che, data la loro età, non possono più circolare.

Il prezzo? Zero euro: Ferrovie Nord le regala, basta solo rispondere al bando — entro il 5 marzo, qui tutti i dettagli — presentarsi e portarle via. "Gli oneri per il ritiro ed il trasporto saranno a carico del ritirante", si legge nell'avviso di manifestazione di interesse. C'è però una condizione: "il ritirante si impegna a conservare quanto ritirato per almeno 5 anni", precisa la società.

Le carrozze si trovano nei depositi in provincia di Milano (Novate, e Garbagnate), Rovato (Brescia), Camnago (Monza) e Sacconago (Varese). Ma cosa si può fare con una vecchia carrozza ferroviaria? La domanda è lecita. A Pioltello c'è un bar che ha utilizzato un vecchio treno per creare il proprio locale. Ma i vagoni potrebbero anche essere trasformati in una stravagante abitazione, in una sala ristorante o addirittura in uno spogliatoio. Bisogna avere un po' di fantasia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento