Meda, scavalca la recinzione e attraversa i binari con le cuffie: travolto da un treno

Emergono nuovi dettagli sull'incidente che mercoledì ha paralizzato la Monza-Chiasso

Immagine repertorio

È fuori pericolo C.T., il 33enne di Monza che mercoledì pomeriggio è stato travolto a Meda da un treno in transito sulla linea Milano-Chiasso. Secondo le prime indagini dei carabinieri di Seregno e degli agenti della polizia ferroviaria di Monza, è escluso che il giovane abbia tentato di togliersi la vita: si è trattato invece di un incidente dovuto a imprudenza e distrazione.

Il 33enne, che con ogni probabilità portava delle cuffie musicali alle orecchie, non si sarebbe accorto di un treno in transito. Di lui si è accorto invece il macchinista del convoglio, che ha cercato in ogni modo di evitarlo e di avvisarlo. Il macchinista ha azionato l’avvisatore acustico, più volte, facendo sobbalzare tutti i pendolari presenti in stazione. Poi, ha azionato il freno. Il convoglio ha rallentato, ma non ha fatto in tempo a fermarsi in tempo.

Il giovane è stato colpito di striscio: una circostanza che gli ha evitato la morte, ma ha riportato ferite e contusioni significative al busto, alle braccia e in particolare a una delle gambe. Il 33enne è tuttora ricoverato all’ospedale San Gerardo. Le sue condizioni impediscono ancora di dialogare con lui. Al suo risveglio, sarà interrogato. Rischia una denuncia per interruzione di pubblico servizio: la linea è stata paralizzata dall'incidente.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Monza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento