Treno deragliato, viaggiava senza macchinista e capotreno: aperta inchiesta

Per fermare il convoglio sono stati messi in funzione i "dispositivi di sicurezza" che hanno instradato il treno verso un binario tronco. La Procura di Monza ha aperto una inchiesta per disastro ferroviario colposo

Il treno deragliato (Foto B&V Photographers)

Ha viaggiato per circa sei chilometri senza che a bordo, ai comandi, vi fosse nessuno. E dalla stazione di Paderno Robbiate, da dove dove sarebbe dovuto partire alle 12.22 il treno Trenord 10776, diretto a Milano Garibaldi, è giunto a Carnate, in Brianza, pochi istanti prima di mezzogiorno. E proprio qui, per bloccare la "folle" corsa del convoglio che procedeva senza controllo e con un passeggero a bordo, sono stati messi in funzione i dispositivi di sicurezza, deviando il treno su un binario tronco. 

Alle 11.59, quando due dei sette vagoni del treno Trenord 10776 si sono accartocciati e altri due si sono sollevati, capottandosi, il convoglio doveva essere a Paderno Robbiate. Fermo, al binario, in attesa di partire. L'orario previsto per la corsa infatti segnalava la partenza alle 12.22, con arrivo a Milano Garibaldi alle 12.59. Ma quel treno - per cause in corso di accertamento - si è mosso prima. E per di più senza alcun macchinista e capotreno a bordo. A chiarire come sia stato possibile e quali siano le responsailità saranno le indagini di cui per ora si sta occupando la Polfer.

Un rumore sordo di ferraglia e poi del fumo, o meglio la polvere che si è sollevata dopo l'impatto. Questa - racconta un testimone - la scena che si è trovato davanti chi si è affacciato alla finestra mercoledì mattina da uno dei condomini a ridosso della stazione e ha visto gli attimi immediatamente successivi al deragliamento. Il treno - sette carrozze in tutto con la motrice situata nella parte posteriore - è uscito fuori dai binari con le prime quattro carrozze all'altezza di un binario tronco. Poi le sirene delle ambulanze, gli elicotteri del 118, le forze dell'ordine e le squadre dei vigili del fuoco al lavoro tra le macerie e le carrozze. Un uomo, un passeggero di 49 anni, cittadino marocchino, risulta al momento l'unico ferito nell'incidente ferroviario. Secondo quanto ricostruito era l'unica persona a bordo del convoglio che - inspiegabilmente - forse sfruttando una leggera pendenza in quel tratto si sarebbe messo in movimento sei chilometri prima dalla stazione che doveva essere capolinea della corsa. Ora la Procura di Monza ha aperto un'inchiesta per disastro ferroviario colposo a carico di ignoti. L'inchiesta è coordinata dal pm Michele Trianni e dal procuratore capo Claudio Gittardi.

Video | Le immagini del disastro dall'alto

Sono queste le prime verità, assurde, dell'incredibile incidente ferroviario andato in scena mercoledì mattina in stazione a Carnate. Il convoglio "impazzito", con a bordo un solo passeggero - un 49enne che era nella penultima carrozza - avrebbe poi terminato la corsa imboccando un binario tronco. Una manovra programmata dal compartimento tecnico di Rfi per evitare che il treno potesse procedere oltre, in direzione della stazione di Arcore. Ma gli aspetti tecnici di quanto accaduto restano ancora da chiarire. Così come le responsabilità. Quel che è certo invece è che le carrozze di testa hanno sviato: quattro vagoni sono finiti fuori dai binari e una si è rovesciata. Ferito lievemente il 49enne, che è stato portato in ospedale in codice verde per una contusione al ginocchio. Dall'azienda, che in una prima nota aveva tenuto un atteggiamento molto più "vago" parlando di un macchinista e un capotreno "lievemente contusi" senza specificare che non fossero a bordo, hanno poi parlato di "cause da accertare" e hanno sottolineato che "i sistemi di sicurezza dell’infrastruttura sono entrati subito in funzione".

Terzi: "Si faccia chiarezza"

"Ho chiesto a Trenord che venga fatta chiarezza su quanto avvenuto oggi con il deragliamento del treno a Carnate, linea Milano-Lecco. A questo proposito, la società ha istituito una commissione interna: una decisione che accolgo positivamente. Se si è trattato di un errore umano dell'equipaggio, ritengo siano necessari provvedimenti adeguati nei confronti dei responsabili da parte di Trenord o delle autorità competenti. Come detto anche dal presidente della Regione Lombardia, fatti come questo non devono avvenire. Esprimo la mia vicinanza alla persona ferita in modo lieve e a coloro che stanno subendo disagi per l'interruzione della linea. Un grazie al tempestivo intervento dei soccorritori" ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, in merito all'incidente ferroviario avvenuto in Brianza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trenord ha reso noto che è stata immediatamente istituita una commissione interna per chiarire cause e responsabilità, fra cui il comportamento dell’equipaggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Rapina donna in metro, passante (brianzolo) lo insegue e lo blocca con un pugno in faccia

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Tragedia in Croazia, uccide la moglie poi si suicida: la coppia era originaria di Monza

  • Cesano Maderno, bimbo positivo al covid: tampone e "quarantena" per tutta la classe

  • Misinto, aperto al traffico un nuovo tratto della provinciale Sp 152

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento