Violenta una ragazza su un treno: arrestato senegalese a Bergamo

L'episodio è avvenuto il 12 dicembre nei pressi della stazione di Carnate sulla linea Bergamo- Milano Porta Garibaldi. La vittima è una 22enne che in quel momento era sola su una carrozza

L'ha palpeggiata per venti minuti, toccandola ovunque e obbligandola a baciarlo poi, prima di andarsene e lasciarla in lacrime alla stazione di Carnate, le ha rubato il telefono.

Si è consumato così l'episodio di violenza sessuale che ha visto protagonista una ragazza bergamasca di 22 anni lo scorso 12 dicembre intorno alle 21.

La giovane stava rincasando a bordo di un treno regionale dal lavoro quando, mentre si trovava sola in carrozza, l'ha avvicinata un uomo di colore che le si è seduto accanto.

Con tutti i posti liberi attorno a sè e quella strana scelta di starle così vicino aveva fatto comprendere immediatamente alla giovane le intenzioni dell'uomo e per questo aveva provato, invano, ad alzarsi.

Per trattenerla lì e costringerla a essere il suo giocattolo il senegalese le ha mostrato una serie di coltelli che aveva con sè.

Dopo averle fatto passare 20 minuti da incubo i due sono scesi alla stazione di Carnate: il senegalese, 32 anni e alle spalle già una condanna a tre anni e mezzo sempre per violenza sessuale a Como, ha effettuato una chiamata dall'Iphone 6 della ragazza per rivenderlo subito a un conoscente mentre la vittima si è recata a denunciare l'accaduto.

E' stata proprio quella telefonata partita subito dal telefono rubato che ha permesso di risalire all'identità del violentatore. Per un mese gli uomini della Squadra Mobile della Questura hanno seguito i suoi spostamenti fino a sorprenderlo mentre stava cenando in una mensa in zona stazione a Bergamo.

Qui per lui sono scattate le manette. 

Ora il procedimento penale sarà gestito dal sostituto procuratore Alessandro Pepè della Procura di Monza. 

Proprio per la recidività del soggetto a compiere lo stesso reato per cui aveva scontato una condanna sono in corso ulteriori accertamenti per capire se al senegalese possano essere riconducibili altri episodi analoghi avvenuti negli ultimi tempi sui treni regionali tra il milanese, la Brianza, la bergamasca e la zona di Lecco visto che a Merate l'uomo aveva un'abitazione dove sono stati trovati altri coltelli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento