Economia

Lo scenario economico degli Emirati Arabi Uniti alle Pmi di Milano e Monza

Smart International Tour prevede un ciclo di 23 webinar per sostenere le aziende nella crescita internazionale

Anna Roscio

Nuova tappa a Milano con focus sugli Emirati – dopo le prime due su Brasile e Regno Unito – di Smart International Tour, il roadshow virtuale di Intesa Sanpaolo dedicato all’internazionalizzazione delle PMI in collaborazione con Monitor Deloitte, la divisione di consulenza strategica di Deloitte, leader mondiale nel settore dei servizi professionali alle imprese. L’incontro ha l’obiettivo di presentare alle PMI dell’area di Milano e Monza Brianza le prospettive e i percorsi di crescita internazionale promossi dal Gruppo Intesa Sanpaolo. Il webinar in programma oggi sarà dedicato agli Emirati Arabi Uniti e coinvolgerà Fabrizio Pascazio, direttore commerciale Imprese di Intesa Sanpaolo per Milano e provincia, un approfondimento sulle opportunità di business nel Paese a cura di Monitor Deloitte e il collegamento con la filiale HUB Intesa Sanpaolo di Dubai e la filiale di Abu Dhabi.

Saranno presentati servizi e strumenti messi a disposizione dal Gruppo per fornire alle imprese un sostegno concreto per il loro rilancio internazionale grazie a specialisti dedicati. Il programma 2021 dello Smart International Tour, quest’anno alla seconda edizione, prevede un ciclo di 23 webinar rivolti alle imprese clienti della Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, guidata da Stefano Barrese, per sostenerle nella crescita internazionale grazie al network del Gruppo Intesa Sanpaolo in tutto il mondo. Attraverso la sua rete estera presente in circa 40 paesi e costituita da filiali, uffici di rappresentanza e banche controllate, Intesa Sanpaolo garantirà il supporto necessario alle piccole e medie imprese, affiancandole in percorsi di crescita per consentire lo sviluppo dell’operatività anche in nuovi mercati. Il ciclo di appuntamenti si focalizza su 7 aree di interesse per le PMI che vogliono crescere nei mercati esteri: Brasile, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Spagna, Emirati Arabi Uniti e Romania. Tali paesi sono oggetto dei numerosi appuntamenti, che coinvolgono le 12 direzioni regionali della Banca dei Territori, le strutture della rete internazionale della Divisione IMI Corporate & Investment Banking – guidata da Mauro Micillo - tra cui le filiali HUB di Londra, New York e Dubai, le filiali di Francoforte, Madrid, Abu Dhabi e Intesa Sanpaolo Brasil SA, Intesa Sanpaolo Bank Romania, banca che rientra nel perimetro della Divisione International Subsidiary Banks – guidata da Marco Elio Rottigni - oltre agli esperti di Monitor Deloitte. Da un’analisi condotta da Monitor Deloitte sull’andamento economico dei paesi focus risulta come, dopo la recessione che ha caratterizzato il 2020, per tutti i paesi sia attesa una ripresa nel 2021 sulla spinta sia dei consumi nazionali che degli scambi commerciali. Negli Emirati Arabi Uniti ci si attende nel corso del 2021 una ripresa delle vendite nei settori legati ai beni di prima necessità; ancora in contrazione sono invece le vendite nei settori legati a beni accessori. In termini di rapporti commerciali, l'Italia ha indirizzato nel 2020 circa lo 0,9% del proprio export complessivo verso gli EAU: prevalgono le componenti meccaniche, seguite dai beni di consumo, in particolare lusso (pietre e metalli preziosi, perle, arredamento).

In generale gli Emirati Arabi rappresentano il primo mercato di sbocco per il Made in Italy in Medio Oriente, nonché il più 2 importante hub commerciale per i paesi dell’area cosiddetta MENASA (Medio Oriente, Africa settentrionale, India e Asia sud-occidentale). L’iniziativa per supportare le aziende nel rilancio delle attività economiche in mercati esteri contribuisce anche ad attuare uno dei pilastri di “Motore Italia”, il programma recentemente avviato da Intesa Sanpaolo per favorire la liquidità e investimenti nella transizione sostenibile e digitale delle imprese e che mette a disposizione delle imprese di Milano e Monza Brianza oltre 4 miliardi di euro di nuovo credito. Anna Roscio, Executive Director Sales&Marketing Imprese per la Banca dei Territori Intesa Sanpaolo: “L’iniziativa Smart International Tour testimonia la nostra proficua collaborazione con Deloitte alla luce dell’interesse crescente verso i mercati esteri da parte delle imprese italiane e delle prospettive di rimbalzo economico che offriranno nuove occasioni di sviluppo.

I percorsi di internazionalizzazione sono un caposaldo della strategia di Intesa Sanpaolo, che resta l’interlocutore ideale per affiancare le PMI anche per questi obiettivi. Già nella prima edizione lo scorso anno abbiamo coinvolto moltissime PMI e identificato con esse nuove opportunità di business in Italia e all’estero, pur nel difficile contesto di emergenza sanitaria; anche in questa seconda edizione stiamo registrando un’ottima partecipazione di imprenditori, un segnale che la fiducia nella ripresa sta progressivamente aumentando e che è necessario prepararsi a cogliere le nuove opportunità”. Manuel Pincetti, partner Monitor Deloitte responsabile per i servizi di Strategic Transformation & Growth di Deloitte in Italia: “Per l’Italia nel suo insieme ed in particolare per il Meridione, il post-Covid offre l’opportunità di riconquistare il posizionamento che le spetta nel contesto internazionale. Ne sono riprova gli importanti investimenti a livello istituzionale tramite il fondo NextGenerationEU volti a favorire la ripartenza e colmare il gap sistemico tra Nord e Sud Italia lavorando su 3 elementi chiave: infrastrutture, innovazione & ricerca e stimolo a fare impresa. Ed è proprio con l’ambizione di valorizzare al meglio le opportunità di attrarre business oltre i confini nazionali per le nostre aziende e creare le condizioni per favorirne l’internazionalizzazione che partecipiamo attivamente agli Smart International Tour del Gruppo Intesa Sanpaolo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scenario economico degli Emirati Arabi Uniti alle Pmi di Milano e Monza

MonzaToday è in caricamento