Yamaha, un anno di presidio per 28 lavoratori

La richiesta è sempre la stessa: il rinnovo della cassa integrazione per un altro anno. A gennaio scade infatti il primo periodo. E intanto l'azienda ha spostato la produzione in Spagna

Un'immagine del presidio nel corso del 2010

Era la fine del 2009 quando alcuni lavoratori della Yamaha di Lesmo salirono sul tetto della fabbrica per chiedere che venissero concessi gli ammortizzatori sociali. L'azienda era in crisi e stava per dar via al "giro" di esuberi.

Si raggiunse un accordo per la cassa integrazione e quei lavoratori terminarono la loro protesta. Ma la vertenza non terminò lì. L'azienda spostò la produzione in Spagna certificando l'esubero per 66 lavoratori. E così un anno esatto fa, il 13 dicembre 2010, i lavoratori ricominciarono a presidiare l'esterno dello stabilimento accampandosi con le tende. E sono rimasti fuori dai cancelli per dodici mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono 28 gli "irriducibili" che ancora presidiano sotto le tende la fabbrica. Nel frattempo, il 10 gennaio 2012 avrà fine il periodo di cassa integrazione. La richiesta dei lavoratori, che nel frattempo si sono quasi tutti iscritti alla Fiom, è di rinnovare la cassa in deroga per un altro anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Il coronavirus torna a far paura: "Situazione può diventare esplosiva, adesso Monza rischia"

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento