Granarolo compra la Lat Bri: completato il closing

L'azienda branzola passa nelle mani del gruppo emiliano. Nell'accordo anche lo stabilimento di Usmate da 30.000 mq. Granarolo diventa così il secondo gruppo italiano del suo comparto


Lat Bri è stata rilevata dal gruppo Granarolo. Latticini Italia,  interamente controllata dalla società emiliana entra quindi in possesso degli impianti, dei marchi e di tutte le attività operative facenti capo al marchio brianzolo. Con l’acquisizione di Yomo nel 2004, Granarolo è divenuto il più importante produttore italiano di yogurt. Del 2011 invece l’acquisizione di Lat Bri, che ha fatto di Granarolo il secondo operatore nazionale di questo comparto e il primo a capitale italiano.

Nell'accordo sottoscritto con Lat Bri entra anche lo stabilimento di Usmate: 30.000 mq in cui si lavorano circa 40.000 tonnellate di prodotti, prevalentemente latticini. Con l'aquisizione di Lat Bri Granarolo diventa il secondo operatore italiano del comparto.

Il gruppo Granarolo rappresenta la più importante filiera italiana del latte. Riunisce infatti circa 1.000 allevatori produttori di latte associati in forma cooperativa, un’organizzazione di raccolta della materia prima alla stalla con 70 mezzi, 1.200 automezzi per la distribuzione, che movimentano 750 mila tonnellate/anno e servono quotidianamente più di 60 mila punti vendita presso i quali 11 milioni di famiglie italiane acquistano prodotti Granarolo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento