rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
MonzaToday Lissone

Niente più acqua in città, vandali distruggono la casetta

"Mi auguro che si possa fare luce e dare un volto e un nome al vandalo o ai vandali che hanno provocato questo danno sindaco" ha detto il sindaco

Vandali scatenati a Lissone. A farne le spese questa volta è stata la casetta dell’acqua di piazza don Camporelli. A denunciare l’accaduto e a condannare il gesto è stato il sindaco, Laura Borrella. I danni hanno causato l’interruzione del servizio di erogazione di acqua, rendendo impossibile ripristinarla in tempi brevi.

"E’ deplorevole quanto successo alla casetta dell’acqua di Santa Margherita, devastata da vandali. Esiste un problema che purtroppo si sta facendo largo soprattutto dopo le restrizioni dettate dalla pandemia da COVID 19 che è quello della mancanza di rispetto per i beni pubblici” ha spiegato il primo cittadino di Lissone. “Lo vediamo nei nostri territori con sempre maggior frequenza e questo comporta non solo spese aggiuntive per la messa in ripristino del bene danneggiato, ma anche una mancanza di funzionamento di un servizio che, come nel caso della casetta dell’acqua, era molto utilizzato dalla cittadinanza”.

“L’intolleranza che purtroppo è notevolmente aumentata negli ultimi periodi, una generale condizione di disagio giovanile e la ricerca di azioni illegali derubricate poi dalle famiglie come “ragazzate” non possono e non devono essere tollerate e su questo auspico una collaborazione con le famiglie. Mi auguro che si possa fare luce e dare un volto e un nome al vandalo o ai vandali che hanno provocato questo danno richiamandoli alle proprie responsabilità nei confronti della collettività”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente più acqua in città, vandali distruggono la casetta

MonzaToday è in caricamento