rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Perché sulle strade a Monza c'era un laboratorio mobile con polizia e medici e cos'è il gasmassa

Sono stati 220 i conducenti controllati nelle ultime due notti tra Milano e il capoluogo brianzolo dalla polizia stradale e dagli agenti della locale

Un laboratorio mobile con personale della polizia di Stato e medici per contrastare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza e verificare lo stato di alterazione dei conducenti in caso di assunzione di sostanze psicoattive. 

E' stato un fine settimana di controlli quello appena trascorso, tra Milano e Monza. Sulle strade ha fatto capolino il laboratorio mobile dotato di gasmassa che consente di verificare nell’immediatezza lo stato di alterazione da sostanze psicoattive. "La strategicità di questi dispositivi è quella di ampliare al massimo il numero dei conducenti da sottoporre a test di screening" specificano dalla questura di Monza.

Nelle ultime due notti sono state infatti controllate 220 persone. "Il protocollo ministeriale applicato a livello nazionale, consente di eseguire su strada le analisi di secondo livello della saliva, a mezzo di cromatografia liquida e, avvalendosi della presenza di personale medico e di tecnici di laboratorio, vengono immediatamente processati i campioni prelevati ed in caso di esito positivo, dopo un accurato accertamento anamnestico da parte del personale medico, al fine di attestare l’alterazione del soggetto, viene contesta la violazione prevista dall’art. 187 del Codice della Strada, che ha natura penale e che prevede anche il sequestro del veicolo, se condotto dal proprietario" spiegano.

Sono stati oltre 55 conducenti sottoposti al test precursore droghe e 6 sono risultati positivi, in particolare per uso di cannabinoidi e cocaina; per tre di questi si è proceduto anche al sequestro del veicolo poiché condotto dal proprietario. Undici invece sono stati i conducenti nei confronti dei quali si è proceduto a contestare la guida sotto l’effetto di sostanza alcolica. In particolare a Monza, nell’alveo del progetto #Responsabilmentegiovani che si avvia alla conclusione dopo un anno di servizi congiunti, con l’intervento del personale della Polizia Locale di Monza e della Sezione di Polizia Stradale, nella notte di sabato, su un posto di controllo appositamente organizzato in città, su un campione di 17 conducenti, sono state contestate due violazioni all'articolo186 bis del codice della Strada a due ragazzi neopatentati che avevano superato il limite legale dello 0,00 gr/l, cioè non avrebbero dovuto mettersi alla guida bevendo alcolici.

Un altro conducente invece è stato sorpreso al volante ubriaco dopo aver causato un incidente stradale mentre lungo la tangenziale Est una pattuglia ha notato un veicolo che zig zagava vistosamente sulla tangenziale Est di Milano: dopo il fermo del veicolo e a seguito di colluttazione con gli agenti, oltre ad aver fatto registrare un tasso alcolemico superiore a 1,50 g/l, è stato denunciato anche per resistenza e danneggiamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché sulle strade a Monza c'era un laboratorio mobile con polizia e medici e cos'è il gasmassa

MonzaToday è in caricamento