Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Libertà / Via Franco Tognini

Armstrong, la multa per il "suo" Monza e la delusione per il razzismo

Nelle parole del Presidente dell'Ac Monza, oltre alle scuse, c'è spazio per la delusione per un progetto vanificato in primo luogo dai tifosi

"Chiedo scusa a Fall e al mondo del calcio più in generale, come presidente e ancor più come essere umano continuerò a combattere per tutto quello in cui credo e che ritengo giusto, quindi contro il razzismo e la violenza".

Sono queste le parole che Anthony Armstrong-Emery, il Presidente dell'Ac Monza Brianza, ha usato per scusarsi di quanto avvenuto in campo durante Monza-Rimini, quando dagli spalti del Brianteo sono partiti fischi e ululati razzisti all'indirizzo dell'attaccante senegalese Ameth Fall, in forze al Rimini.

Parole scritte in un comunicato che sprigionano amarezza e delusione per un progetto di lotta al razzismo che la società ha portato avanti con entusiasmo ma che è stato ostacolato e vanificato proprio da chi la squadra dovrebbe sostenerla.

"Quello che è successo domenica rappresenta un insulto personale e una mancanza di rispetto nei confronti di quello che io e il mio team di lavoro stiamo facendo per la squadra", si legge nel comunicato.

"Spero che le persone responsabili realizzino che stanno remando contro la società", ha concluso Armstrong.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armstrong, la multa per il "suo" Monza e la delusione per il razzismo

MonzaToday è in caricamento