rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Truffavano anziani con la scusa del finto incidente, raggiri anche in Brianza

I carabinieri del comando di Pavia hanno sgominato un'organizzazione criminale dedita a truffe e raggiri ai danni delle persone anziane

Contattavano telefonicamente la vittima, sempre anziana e sola, si spacciavano per avvocati e facevano credere loro che un parente, soprattutto i figli, aveva causato un incidente e per questo era stato trattenuto presso una caserma dei Carabinieri. E invitavano addirittura le vittime a contattare direttamente il 112, aspettando in linea e continuando la “recita”, con tanto di rumore di sirene in sottofondo quando queste cercavano di telefonare davvero all’Arma.

Dopo la falsa conferma scattava la trappola, che faceva leva sulla paura e lo spavento degli anziani, con la richiesta di denaro per 3mila euro o oggetti in oro per evitare guai penali al parente. Sono stati una trentina in tutto i raggiri tentati o messi a segno dalla banda, sgominata dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Pavia, in Lombardia tra le province di Pavia, Milano, Monza - Brianza, ed in Emilia Romagna nelle province di Modena e Parma. L’altro giorno i carabinieri del comando di Pavia a Sirmione (BS), Napoli ed Aversa (CE), hanno dato esecuzione a quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di D.M.M. 41enne, E.F. 38enne, M.F. 36enne, S.G. 43enne, tutti originari e residenti nel napoletano.

Le indagini, avviate a partire da settembre 2015 e dirette dalla Procura della Repubblica di Pavia hanno permesso di smascherare un'associazione criminale finalizzata alla commissione di truffe ed estorsioni che colpiva le persone anziane.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffavano anziani con la scusa del finto incidente, raggiri anche in Brianza

MonzaToday è in caricamento