Personal trainer in manette per estorsione

La vicenda in Brianza dove il 38enne aveva prestato una somma anni fa a una vittima che ancora oggi minacciava e a cui estorceva denaro: l'arresto sabato

In casa sua sequestrati 250mila euro tra assegni e contanti

38 anni, sulla carta professione personal trainer ma nei fatti un ricattatore.

E' così che un uomo di Triuggio è finito in manette per estorsione, con arresto in flagranza di reato sabato.

La vicenda ha inizio tre anni fa quando il 38enne ha prestato a un uomo una somma pari a 150mila euro. Per estinguere il debito quest'ultimo ha riconsegnato al personal trainer 270mila euro, cifra quasi doppia e lo ha nominato procuratore per la vendita di un immobile di sua proprietà.

Forte di questa sua prerogativa il personal trainer faceva pressioni per estinguere il mutuo che gravava sull'immobile così da procedere con la vendita. 

Le continue minacce che il 38enne indirizzava alla sua vittima avevano lo scopo di velocizzare l'estinzione del capitale residuo e impossessarsi del ricavato della vendita.

Per temporeggiare la vittima gli ha proposto un anticipo pari a 60mila euro da versargli a titolo di garanzia dell'intera somma dovuta. I due per lo scambio degli assegni e per la discussione della trattativa si sono dati appuntamento in un luogo stabilito in Brianza e qui, insieme a loro, c'erano anche i carabinieri della compagnia di Monza in borghese.

I militari sono intervenuti proprio nel momento in cui il 38enne stava per mettere le mani sull'assegno di 30mila euro che la vittima aveva portato con sè, non essendo riuscito questo a procurarsi la somma pattuita pari a 60mila euro.

Per lui le manette sono scattate con l'accusa di estorsione in flagranza di reato ma sono in corso ulteriori indagini per verificare che non abbia agito insieme a dei complici e per capire la provenienza i diversi assegni assegni del valore complessivo di 200mila euro trovati a casa sua insieme a 50mila euro in contanti.

Gli accertamenti in corso sono necessari per capire se l'uomo si sia anche reso colpevole del reato di usura.

L'intera somma è stata sottoposta a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento