Scende dal treno e viene arrestato, spacciatore in manette in stazione a Varedo

L'uomo, 45 anni, è stato fermato perchè destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'operazione "Striscia 2018" contro lo spaccio nei boschi di Bosisio Parini

E' sceso dal treno e non ha fatto in tempo nemmeno ad allontanarsi dalla stazione: gli agenti della Questura di Lecco lo hanno fermato e arrestato. Così nella mattinata di venerdì 8 novembre, nei pressi della stazione ferroviaria del comune di Varedo è finito in manette B.A., meglio conosciuto come “Alex”, marocchino classe 1974, clandestino e senza fissa dimora, destinatario della misura di custodia cautelare in carcere con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti nei boschi di Bosisio Parini.

Lo spacciatore era ancora ricercato nell’ambito dell’indagine “Striscia 2018”, che ha visto coinvolti venti indagati, due dei quali sono già in carcere raggiunti dalla misura della custodia cautelare. Il 45enne si è fatto cogliere di sorpresa dagli agenti della Squadra Mobile di Lecco mentre scendeva dal treno a Varedo. Dopo di essere stato riconosciuto, non ha opposto resistenza e successivamente è stato accompagnato dai poliziotti presso la casa circondariale di Lecco a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L'operazione "Striscia 2018"

Affonda le radici al 2018 l'operazione condotta negli ultimi mesi dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato di Lecco diretta dal Commissario Capo Dr. Danilo Di Laura. Un'operazione lunga e articolata, che ha preso il via grazie all'inchiesta realizzata da "Striscia la Notizia" all'interno del bosco della droga di Civate e dallo stesso tg satirico ha preso il nome "Striscia 2018". Al centro delle attenzioni dei poliziotti ci sono ancora le decine di spacciatori che operano con immutata celerità nelle zone boschive che attorniano la provincia di Lecco, in particolar modo la zona brianzola. Negli ultimi giorni gli agenti hanno dato seguito alle due ordinanze di custodia cautelare in carcere, su quattro richieste in totale, firmate dal Gip del Tribunale nei confronti di due spacciatori algerini operativi tra la stessa Civate e i boschi di Bosisio Parini; venti sono, invece, gli indagati in totale. Nel giro di otto mesi la Polizia ha individuato millecinquecento acquirenti, arrivati a Civate e Bosisio dal resto della provincia, ottomilacinquecento compravendite e un "giro" stimato da duecentocinquantamila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Pizza e cocaina nel locale, tre arresti dei carabinieri a Giussano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento