rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
disagi / Besana in Brianza

"Siamo prigionieri in casa nostra da nove mesi"

Il disagio del residente che convive da nove mesi con il cantiere per il rifacimento della strada

"Da nove mesi 'conviviamo' con gli operai del cantiere. Non possiamo entrare nei nostri box, non possiamo arrivare in auto fino sotto casa e gli operai sono talmente gentili che ci aiutano anche a portare i pacchi della spesa. Il lunedì e il giovedì dobbiamo farci 200 metri a piedi con l'immondizia in mano perché, logicamente, non possiamo lasciare l'immondizia fuori casa, e a dispetto delle promesse la Tari è arrivata maggiorata rispetto all'anno scorso". La denuncia arrivata alla redazione di MonzaToday è di un abitante di Besana Brianza. 

È stanco ed esasperato come molti vicini di casa che vivono nelle vie Viarana e Santa Caterina. Un lungo cantiere iniziato a gennaio 2022 e che sarebbe dovuto finire il 16 settembre con il termine dei lavori di asfaltatura. Ma gli operai sono ancora al lavoro e i residenti non ce la fanno più. "Da nove mesi la nostra vita è un inferno e il problema è che non sappiamo quando potremo tornare alla normalità - spiega il residente -. Il lavoro non è ancora terminato. Peraltro in un punto avevano già finito ma hanno dovuto togliere il manto d'asfalto. Pare infatti che ci siano stati problemi con i tombini: al termine dei lavori sembra che i tombini fossero più alti rispetto alla strada". 

La strada da gennaio è chiusa. Per i residenti una 'convivenza' forzata con il cantiere: parcheggiata l'auto in piazza davanti al comune (quando c'è posto) o nel parcheggio dell'ospedale, poi devono raggiungere la casa a piedi. Un problema soprattutto per le persone più anziane o con difficoltà motoria. "Per fortuna gli operai sono molto gentili - prosegue -. Quando ci vedono che arriviamo con i sacchetti della spesa o le cassette di acqua vengono a darci una mano". Residenti 'obbligati' a fare ginnastica anche quando, due volte alla settimana, devono portare fuori l'immondizia. "Con la strada chiusa non passa neppure il mezzo che ritira i rifiuti. Dobbiamo portarli a 200 metri in  piazza - aggiunge-. L’ordinanza di fine dicembre 2021 specificava che la via Viarana e via Santa Caterina dovevano essere a doppio senso, ma per la maggior parte del tempo è rimasta chiusa". 

Oltre al disagio i residenti si sentono anche beffati. La tassa dei rifiuti è arrivata senza sconti. "Anzi con un aumento rispetto agli anni scorsi - prosegue -. Mi sono informato all'Ufficio Tributi del comune di Besana e mi è stato riferito che gli sconti spettano solo ai negozianti, non ai residenti". In questi mesi i disagi erano all'ordine del giorno. "Ad aprile nel nostro condominio non abbiamo potuto fare il consueto intervento con la ditta di spurghi - precisa -. La strada era chiusa. Siamo riusciti a farlo a settembre grazie degli operai che hanno permesso al camion di entrare nel cortile". 

La redazione di MonzaToday ha contattato il sindaco Emanuele Pozzoli nella mattinata di giovedì 22 settembre ha riferito che i lavori sono pressoché finiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Siamo prigionieri in casa nostra da nove mesi"

MonzaToday è in caricamento