Novantadue piante per non dimenticare, a Monza nasce il Bosco della Memoria

Ad ognuno dei 92 deportati brianzoli nei campi di sterminio e di concentramento nazisti è stato dedicato un albero

Il Bosco della Memoria (Foto Anpi)

Novantadue alberi. Un nuovo germoglio per ognuna delle vittime dello sterminio nazista, deportate nei campi di concentramento. Solo venti di loro alla fine fecero ritorno a casa. Per ricordare le loro storie e tenere viva la loro memoria a Monza in città è stata inaugurato il Bosco della Memoria.

Sabato 27 gennaio 2018, in via Messa, dopo dieci anni di lavoro, è stata inaugurata l'installazione permanente, progettata dall'architetto Rosa Lanzaro, dedicata a uomini e donne di Monza e della Brianza deportati nei campi di concentramento e di sterminio nazisti. 

Nell'area, che oggi con nuove piante rappresenta il riscatto e la rinascita nella memoria dopo la deportazione, trovano spazio 92 elementi in acciaio corten e altrettante piante dedicate ad ognuno dei deportati. L'inaugurazione, organizzata da Aned Monza - Sesto San Giovanni e Anpi Monza alla presenza delle autorità cittadine si è tenuta in una data non casuale: il Giorno della Memoria. 

"E voi imparate che occorre vedere e non guardare in aria, occorre agire e non parlare. Questo mostro stava, una volta, per governare il mondo. I popoli lo spensero, ma ora non cantiamo vittoria troppo presto: il grembo da cui nacque è ancor fecondo." 
Bertolt Brecht 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento