Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Via Porta Lodi

Controlli in un centro massaggi cinese: due lavoratrici in nero

Nel locale di via Porta Lodi lavorano due ragazze, tutte e due senza contratto. Nel mirino dei vigili anche altre attività: controlli in un capannone di vendita casalinghi e nel salone di un parrucchiere. L’operazione

Fine settimana di controlli per gli agenti della polizia locale di Monza, impegnati nella lotta al lavoro nero. Nella giornata di venerdì, i vigili hanno passato al setaccio tre esercizi commerciali della città, rilevando irregolarità in tutte e tre le attività. 

Il primo negozio a finire nel mirino degli agenti è stato un centro massaggi cinese di via Porta Lodi. Le due ragazze che lavorano nel locale erano entrambe senza contratto e senza assicurazione lavorativa. Il titolare dell’attività, fanno sapere dal comando di via Marsala, ha pochi giorni di tempo per mostrare i documenti, altrimenti si procederà con una multa e con la chiusura dell’esercizio. 

Stessa sorte, sempre nella serata di venerdì, è toccata ad un parrucchiere titolare di un salone nel centro commerciale Auchan, nel quale lavorano tre dipendenti, tutti trovati senza i documenti necessari. 

Peggio, invece, è andata ad una società cinese proprietaria di un capannone che vende casalinghi all’ingrosso in via Enrico Fermi. Uno dei sette dipendenti, un pachistano, lavorava in nero e per questo i vigili hanno multato il titolare con una sanzione da tremila euro. In più, la ditta sarà costretta ad assumere per almeno sei mesi il lavoratore irregolare. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli in un centro massaggi cinese: due lavoratrici in nero

MonzaToday è in caricamento