Parti cesarei, l'ospedale di Carate Brianza ne esegue meno in tutta Italia: la classifica

Al primo posto il presidio di Carate, al nono Vimercate

Nella top ten degli ospedali dove si eseguono meno parti cesarei in Italia ci sono due strutture brianzole. A detenere il primato dell’ospedale dove si eseguono meno parti cesarei in Italia è il presidio di Carate Brianza ma nella classifica dell’Agenas, l’agenzia sanitaria delle regioni italiane, figura anche l’ospedale di Vimercate, che occupa il nono posto dei migliori ospedali in fatto di cesarei e, al quinto posto, la Fondazione per il Bambino e la Sua Mamma di Monza (8,41%).

Solo il 5,41% dei parti che avvengono all’interno del presidio ospedaliero di Carate Brianza è cesareo mentre a Vimercate il dato sale al 10,38%, contro una media nazionale pari a un parto su quattro (25,11%). Secondo quanto riportato dall’Agenas “L’Organizzazione Mondiale della Sanità sin dal 1985 afferma che una proporzione di cesarei superiore al 15% non è giustificata. Il parto con taglio cesareo rispetto al parto vaginale comporta maggiori rischi per la donna e per il bambino e dovrebbe essere effettuato solo in presenza di indicazioni specifiche. Il regolamento del Ministero della Salute sugli standard quantitativi e qualitativi dell’assistenza ospedaliera fissa al 25% la quota massima di cesarei primari per le maternità con più di 1000 parti annui e 15% per le maternità con meno di 1000 parti annui”.

A dirigere dal 2013, l’unità operativa dell’ostetricia di Carate-Giussano che vede nascere ogni anno circa 1800 bimbi è Anna Locatelli che è anche professore associato di Medicina e chirurgia dell’università Bicocca di Milano. “Una sala parto è un piccolo mondo che va curato ogni giorno. Le nostre caratteristiche sono: conoscenza, cultura e passione della nascita; team coeso, tra medici, ostetriche e anestesisti con dedizione non comune; protocolli condivisi e conoscenza dei nostri dati; enfasi sulla normalità del parto laddove possibile e sulle risorse intrinseche di ogni donna; buona relazione con le pazienti, offerta di cura e accompagnamento durante tutto il percorso della gravidanza e anche post parto” afferma Anna Locatelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Principi questi, condivisi anche nel reparto di Vimercate diretto dal dottor Mauro Penotti che è tra i primi dieci migliori in Italia in fatto di cesarei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento