Cronaca Piazza Cambiaghi 1

Tribunale condanna il Tour Operator per il "safari della morte"

Nel settembre 2008 tre italiani persero la vita in Egitto durante un'escursione e altri tre, di cui due brianzoli, furono feriti

Un viaggio in Egitto che si è rivelato un incubo dove hanno trovato la morte durante un escursione tre italiani: due uomini e una donna e altri tre sono rimasti feriti.

Oggi, per quanto accaduto nel 2008, il Tribunale di Monza ha condannato “I viaggi del Turchese”, il tour operator che aveva organizzato la vacanza a un risarcimento di 385mila euro.

Tra i turisti che in quel “safari della morte” si sono feriti ma si sono salvati, ci sono due brianzoli che ricordano quel giorno come fosse ieri.

I due hanno denunciato le pessime condizioni dei mezzi di trasporto, senza dispositivi di sicurezza, l’inaffidabilità degli autisti scelti, provati dal digiuno del Ramadam e l’assoluta mancanza di prudenza.

L’azienda ha provato a difendersi sgravandosi dalla responsabilità di quanto accaduto in un’escursione organizzata in loco da una società egiziana ma la sentenza ha voluto punire la responsabilità organizzativa e contrattuale del tour operator.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tribunale condanna il Tour Operator per il "safari della morte"

MonzaToday è in caricamento