Distributore nel Parco: il Comune chiede una verifica

Sotto la lente l'esistenza dei pre-requisiti per la concessione dell'autorizzazione a costruire. I lavori cominciati ad aprile sono di fatto sospesi

Il progetto del distributore

MONZA - Il Comune ha annunciato l'intenzione di aprire un procedimento per verificare l'esistenza dei pre-requisiti per la concessione dell'autorizzazione alla costruzione del distributore nel Parco. Due gli aspetti sotto la lente di ingrandimento: innanzitutto, i vincoli di Piano che vietano la collocazione di serbatoi e cisterne  nel Parco, e in secondo luogo la normativa del Parco Valle Lambro, richiamata nel PGT: nel testo si stabilisce che deve essere favorito l'accesso dei mezzi pubblici all'Autodromo rispetto al traffico privato, condizione che potrebbe non essere verificata. Spetterà ora al dirigente dell'ufficio competente esprimere un parere in merito. I lavori sono di fatto fermi.

PROTESTE - La vicenda del distributore del Parco comincia nel mese di aprile, quando le ruspe inziarono a tagliare gli alberi nei pressi dell'ingresso di Santa Maria delle Selve, a Biassono. Proteste diffuse capeggiate dall'ex sindaco Michele Faglia, che ha presentato un esposto al riguardo, e culminate con un flash mob nel Parco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento