Dal Nord Europa a Monza, la droga dei narcos sui bus di linea: banda sgominata

Arrestati in undici, tra loro anche il titolare e i due autisti di una società di trasporti milanese

Gli albanesi si occupavano di trovare la droga in Olanda e in Belgio. Gli italiani, sfruttando il loro lavoro ufficiale, facevano in modo che quella stessa droga entrasse in Italia senza destare troppi sospetti, almeno secondo loro. E infine a concludere il giro ci pensavano di nuovo gli albanesi, che prelevavano il "tesoro" e lo portavano verso la sua destinazione finale. 

Video | Così la droga arrivava a Milano sui bus

Undici uomini, tutti parte di una banda di italo-albanesi, sono stati arrestati tra la Toscana e la Lombardia dalla guardia di finanza di Firenze con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. Durante l'indagine - denominata "Buslijnen", autobus di linea in olandese - la Gdf è anche riuscita a mettere le mani su diciotto chili di cocaina e 520 di marijuana. 

A capo della banda, stando a quanto riferito dai militari, c'era un albanese residente a Prato, che evidentemente aveva sviluppato i contatti giusti per trovare la droga in Olanda e Belgio. Il trasporto verso l'Italia era invece affidato al titolare e a due autisti di una ditta di trasporti milanese. I tre - tutti arrestati - nascondevano cocaina e marijuana in un doppiofondo creato ad hoc sotto le scale e sotto i sedili del bus, che copriva proprio la tratta Olanda-Milano. Quindi, una volta sotto la Madonnina, la droga veniva presa in consegna da altri uomini della banda, che poi la distribuivano proprio in Lombardia e in Toscana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno degli arrestati - sottolinea la Gdf in una nota - era già finito nei guai in passato in un'indagine su alcune cosche ‘ndranghetiste calabresi, impegnate nel traffico internazionale di stupefacenti sulla rotta Spagna-Italia. Era il 2013 e lui era stato arresto - e poi condannato in via definitiva - per essere stato fermato con diciassette chili di hashish a bordo di un pullman. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Ombrelli sopra il centro di Monza, ecco perchè la città si è coperta di verde

  • Ubriaco travolge coppia in moto sulla Valassina poi scappa: morta donna monzese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento