Droga dello stupro e violenza di gruppo: gli arrestati si dicono innocenti

E' iniziato il processo a carico di tre uomini accusati di avere drogato una giovane e di avere abusato di lei

Un frame delle immagini di sorveglianza del locale

Si sono proclamati innocenti: per l'accusa avrebbero drogato una 21enne con il benzodiazepine ("droga dello stupro") e poi avrebbero abusato sessualmente di lei in un appartamento di Bellusco. L'episodio risale alla notte tra il 13 e il 14 aprile 2017 e, dopo moti mesi d'indagine, a gennaio del 2018 i tre sono stati arrestati. Ora sono sotto processo a Milano.

Video: versano qualcosa nel bicchiere della ragazza

La vittima, 21 anni all'epoca dei fatti, aveva accettato l'appuntamento di un suo conoscente ed era uscita con lui e due amici di 22 e 48 anni. La serata era iniziata al Why Not Next di via Crema a Milano, zona Porta Romana, ed era proseguita a casa di uno dei tre a Bellusco. Nel locale, secondo quanto evinto anche dalle immagini di sorveglianza, avrebbero versato nel bicchiere della ragazza una dose di benzodiazepine, altresì chiamata "droga dello stupro".

La giovane si era presentata la mattina seguente dai carabinieri, poiché pur non avendo ricordi precisi le rimbombavano le sue stesse parole: "Basta, basta". La clinica Mangiagalli, successivamente, ha confermato segni di violenza sessuale e livelli troppo elevati di benzodiazepine nel sangue.

I tre, come detto, si osno proclamati innocenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Esselunga, otto Mini vinte nei supermercati di Monza e Brianza

  • Follia a Sesto: mamma si lancia col furgone contro la caserma dopo l'arresto del figlio

  • Incidente in A4, travolto da un'auto mentre viaggia in bici in autostrada: morto un uomo

  • Precipita nel vuoto da una cascata di ghiaccio: Lorenzo muore sotto gli occhi dei suoi amici

  • Incendio a Monza, fiamme in un capannone: evacuata una scuola

  • Fermato mentre guidava sulla Milano-Meda, arrestato spacciatore a Bovisio Masciago

Torna su
MonzaToday è in caricamento