Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca San Giuseppe / Viale Romagna

Monza e Brianza, sempre meno i "clandestini" espulsi

I dati della Questura di Milano sul capoluogo e su Monza: è sceso del 62,8% il numero degli immigrati irregolari accompagnati fisicamente alla frontiera

Il decreto c’è. L’espulsione, forse. O meglio, forse no. 

Crollano a Milano e a Monza, gli stranieri fisicamente accompagnati alla frontiera: da 665 del 2013 a 247 del 2014. L’incredibile flessione - testimoniata dai dati sull’andamento della criminalità a Milano e Monza diffusi giovedì mattina dalla Questura di Milano - non trova “giustificazione” nei provvedimenti di espulsione, che sono rimasti praticamente immutati. 

Nel 2014, infatti, gli stranieri irregolari sul territorio italiano ai quali è stata notificata l’espulsione erano stati 2.666, a fronte dei 2.684 del 2014.  

Sull'altro versante dell'immigrazione, quello regolare, dai dati è emerso che i "cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti" sono passati da 401.840 a 403.473, segnando un lieve aumento.

Aumentano nelle due province anche gli stranieri presenti per motivi umanitari - da 1.230 a 1.546 - e quelli che hanno presentato richieste di asilo politico. 

Più in generale, invece, a Milano e Monza i dati sui reati sono abbastanza altalenanti. Nell’ultimo anno è calato, ad esempio, il numero delle rapine e di reati. Ma, di contro, sono aumentati gli omicidi “d’impeto” e i furti “per crisi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monza e Brianza, sempre meno i "clandestini" espulsi

MonzaToday è in caricamento