Tre furgoni per consegne rubati a Milano: scatta l'allerta terrorismo

La circolare diramata agli uomini delle forze dell'ordine dal Questore

Immagine di repertoio

Tre furgoni rubati e una circolare che riporta ancora alta l'attenzione per l'allarme terrorismo a Milano.

Nei giorni scorsi il questore Marcello Cardona ha diramato una circolare tra gli uomini della Digos, dei carabinieri e della guardia di finanza per il furto di alcuni mezzi a rischio: furgoni della Dhl.

"Tre furgoni, modello Ducato - ha scritto il questore - sono stati rubati nei giorni tra il 4 e il 6 settembre". Mezzi a rischio proprio perché gli ultimi attentati avvenuti in Europa sono stati messi a segno da killer che guidavano piccoli camion o van. "Per questo - aggiunge Cardona - essendo dei mezzi inseriti nella black list, vanno allertati gli equipaggi dipendenti, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, e va segnalata l’eventuale presenza, procedendo all’identificazione del conducente e degli eventuali passeggeri, utilizzando tutti i dispositivi di autotutela".

Nel documento inviato alle forze dell'ordine ci sono anche i numeri di targa e tutte le informazioni che la società di spedizioni ha fonito agli investigatori. Dalla Questura rassicurano che è una normale segnalazione inviata al Ministero perché si tratta di tre furgoni della stessa ditta e non è la prima volta: in passato si era verificato un fatto simile con alcuni taxi rubati nella Capitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento