Incidenti stradali

Investita per errore dal marito, dopo essere sfuggita al tallio ora la donna rischia la vita

Maria Lina Pedon, 81 anni, è stata ricoverata in codice rosso in ospedale domenica mattina. L'incidente fuori dalla chiesa

Immagine di repertorio

Ancora una tragedia nella famiglia del Zotto. E questa volta il tallio o il nipote Mattia, non c’entrano niente. A causa di un errore di manovra Maria Lina Pedon, 81 anni, domenica mattina alle 10 è stata investita dal marito, Alessio Palma, 85. I coniugi stavano andando a messa, nella chiesa di Sant’Antonino Martire, in via Venezia.

Secondo una prima ricostruzione, il marito a causa di una manovra errata avrebbe innestato la retromarcia, andando a sbattere contro una cancellata. Poi, preso dal panico, avrebbe ingranato la prima, travolgendo la moglie. I medici del 118 hanno soccorso la donna, insieme ad alcuni fedeli. La pensionata fin da subito è apparsa in gravi condizioni.

Ora è ricoverata all’ospedale Niguarda di Milano dove è giunta in ambulanza in codice rosso: la donna è in pericolo di vita a causa di alcune emorragie interne di alcune fratture. A pesare è anche l’età avanzata e i postumi dell’avvelenamento da tallio. Sotto choc il marito. Gli agenti della polizia locale intanto gli hanno ritirato la patente.

Maria Lina Pedon e Alessio Del Zotto avevano già subito l’avvelenamento da tallio. La loro villetta in via Padova 5 era stata setacciata alla ricerca del veleno. Con loro, il numero dei familiari avvelenati dal nipote Mattia Del Zotto era salito a otto, oltre a tre morti: la zia e gli altri nonni. Il marito era stato ricoverato prima al Niguarda, poi a Desio per una polmonite, mentre la moglie aveva accusato disturbi addominali e alle gambe e un vizio cardiaco. Avevano inoltre suvbvito una forte caduta di capelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investita per errore dal marito, dopo essere sfuggita al tallio ora la donna rischia la vita

MonzaToday è in caricamento