Il vigile e il carro funebre, sui social è polemica ma non c'è stata nessuna multa

L'ausiliario del traffico mercoledì stava solo appuntando la targa del mezzo e non compilando una sanzione: non c'è stata alcuna multa e il vigile invece si è adoperato per agevolare il corteo

La foto apparsa sui social

Basta una foto "rubata", un giudizio forse un po' avventato e sui social la polemica cavalca l'onda della rete, scatenando sentenze prima ancora che domande.

E' successo proprio così mercoledì quando sul gruppo Facebook cittadino "Sei di Monza se" qualcuno ha pubblicato una fotografia che ritraeva un ausiliario della sosta della polizia locale con un blocchetto in mano fermo davanti a un carro funebre parcheggiato sulle strisce pedonali in via Cortelonga all'angolo con via Manzoni. Immediatamente si è scatenata l'indignazione per quello che a un primo sguardo poteva sembrare un vigile intento a multare un mezzo coinvolto in una processione funebre e in attesa della salma proprio a due passi dal portone dove c'erano i parenti del defunto. 

I fatti però nella realtà sono andati diversamente. Come previsto dai suoi compiti, l'ausiliario della sosta mercoledì mattina ha notato il carro funebre in sosta sulle strisce pedonali e si è avvicinato, annotando (senza comminare alcuna multa) il numero di targa del veicolo per procedere con alcune verifiche. Subito dopo l'uomo, spostandosi di qualche metro, ha visto che dal portone di un condominio poco distante stava per uscire la salma ed erano in corso alcuni preparativi per il corteo funebre. A quel punto, nonostante non fosse previsto dai suoi compiti, l'ausiliario si è adoperato per agevolare gli spostamenti degli incaricati della ditta di pompe funebri e dei partecipanti al corteo, fermando il traffico. 

Dal municipio subito dopo la comparsa dell'immagine ambigua sui social, gli uffici preposti hanno fornito spiegazioni ai cittadini per quanto accaduto e la fotografia è stata rimossa dall'autrice del post insieme a tutta la polemica che ne era scaturita. 

La polizia locale, che ha ricostruito per MonzaToday quanto accaduto, non ha nascosto il disappunto per i giudizi facili arrivati attraverso la tastiera da parte dei cittadini nei confronti dell'operato del collega che in altre circostanze, proprio perchè il mezzo era in sosta sulle strisce pedonali, avrebbe anche potuto multarlo. Dal comando di via Marsala sospettano anche che dietro l'autore di quella fotografia ci possa essere qualcuno che aveva proprio l'intenzione di polemizzare poichè chi ha scattato la foto, sempre secondo gli agenti, non avrebbe potuto non vedere che l'ausiliario della sosta non aveva comminato alcuna multa e non aveva lasciato una sanzione sul parabrezza del carro funebre ma, al contrario, si era adoperato per agevolare il corteo in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento