rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Sicurezza / Centro Storico / Piazza Trento e Trieste

Quella piazza di Monza dove i "giovinastri" litigano e fanno scappare i clienti dai locali

La denuncia del consigliere comunale che ha assistito alle liti

Sos sicurezza nella centralissima piazza del comune di Monza. A lanciare l’allarme è il consigliere comunale Massimiliano Longo (Forza Italia) che durante il consiglio di lunedì 11 settembre ha segnalato il problema delle bande di ragazzi che da tempo avrebbero messo a ferro e fuoco piazza Trento e Trieste.

“I residenti e i commercianti si sentono abbandonati – ha spiegato -. Questa situazione di degrado e di mancanza di sicurezza ormai prosegue da tempo, ma negli ultimi mesi è peggiorata”. Il capogruppo degli azzurri ha raccontato un recente episodio che lo ha proprio visto protagonista. “Ero in gelateria quando si è avvicinato un gruppo di ragazzi che, probabilmente sotto gli effetti dell’alcol o della droga, hanno iniziato a importunare il gestore e il suo staff. A chiedere ulteriore alcol che naturalmente non è stato servito, a voler andare in bagno in 3 o 4 persone. Il tutto davanti agli occhi allibiti dei clienti”. Di settimana scorsa, invece, una sventata lite con l’intervento immediato delle forze dell’ordine. “I commercianti non ce la fanno più – prosegue Longo -. Questi non sono ragazzi, sono delinquenti. So che l’amministrazione non ha colpa, ma propongo che al tavolo dell’ordine pubblico e della sicurezza al quale partecipa anche il comune si chieda un maggiore controllo e presidio da parte delle forze dell’ordine. Sono tante le persone che, ormai, non passano più per la piazza impaurite di rimanere coinvolte in qualche lite o lancio di oggetti”.

Sulla vicenda è intervenuto l’assessore alla Sicurezza Ambrogio Moccia che ha raccolto le segnalazioni del consigliere, invitando commercianti e cittadini a denunciare. “La situazione di piazza Trento e Trieste non ci è sfuggita di mano – ha spiegato -. Fin dal mio insediamento c’è stata massima attenzione e un’attività di risanamento delle criticità. Di quelle bande di giovinastri, non amo il termine delinquenti, che agivano sotto i portici. Un sistema di sicurezza che vede l’intervento di polizia locale, carabinieri e polizia di Stato. Interventi che hanno ricevuto anche gli apprezzamenti di parte dei commercianti ma, viste le denunce del consigliere Longo, probabilmente non è bastato. Invito però le persone a denunciare e segnalare, non solo attraverso i consiglieri. Se arrivano le segnalazioni non mancheranno interventi mirati come quelli eseguiti nei mesi scorsi anche on l’intervento delle unità cinofile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quella piazza di Monza dove i "giovinastri" litigano e fanno scappare i clienti dai locali

MonzaToday è in caricamento