Milan, protesta sotto la villa di Berlusconi: e il presidente accoglie i manifestanti in casa

I tifosi rossoneri, preoccupati per il futuro del Milan, si sono ritrovati giovedì sera fuori da villa San Martino. Il presidente ha poi accolto tre di loro in casa per un confronto. Il racconto

La protesta

"Rivogliamo il nostro Milan! Rivogliamo il nostro Milan!". È il disperato urlo dei tifosi rossoneri della Curva Sud che, giovedì sera, si sono dati appuntamento ad Arcore, davanti a Villa San Martino, la residenza del presidente Silvio Berlusconi

Nel mirino il tira e molla con la cordata cinese interessata all'acquisto del Milan, l’indecisione su qualsiasi cosa della dirigenza rossonera - lacerata tra "falchi" e vecchia guardia, con lo storico ad Adriano Galliani -, e il mercato quasi inesistente, che, secondo i supporter, consegnerà ai Diavoli "l'ennesimo anno di mediocrità". 

Non sono mancati altri cartelloni sarcastici: "Galliani: a quando il tuo closing?". E ancora: "Basta con i cambiamenti di idee ogni giorno" e "Rispettate i vostri tifosi". Tre dei circa duecento tifosi presenti fuori da Villa San Martino, dopo qualche minuto di protesta sono stati fatti entrare in casa da Silvio Berlusconi, che dovrebbe averli rassicurati sul futuro del club rossonero. 

Dopo l’incontro, i tifosi hanno ammainato bandiere e striscioni e hanno lasciato Arcore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento