rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca San Donato / Via Michelangelo Buonarroti

Basta cemento e case private: un flash mob davanti all'ex macello

I cittadini di Monza si mobilitano contro il progetto di realizzare case private nell'ex mattatoio, riducendo lo spazio inizialmente destinato alle scuole del quartiere

Da anni i cittadini monzesi che vivono nel quartiere di Regina Pacis-San Donato attendo il recupero di quell'ex mattatoio dove dovevano sorgere scuole e spazi verdi. Adesso scendono in piazza e il 27 ottobre alle 17.30 organizzano un flash mob di protesta proprio davanti all'ex macello. 

"No a chi vuole costruire residente private - dichiarano i componenti del Comitato Saicosavorremmoincomune quartiere Regina Pacis San Donato, promotori dell'iniziativa -. Siamo contrari alla costruzione di residenze private. In quell'area devono sorgere le scuole pubbliche innovative Citterio-Bellani".

Un progetto del quale si parla - e che si attende - ormai da quindici anni, e quei bambini che all'epoca aspettavano di poter varcare le nuove scuole del rione in un rilanciato ex macello, ormai sono già all'università. Un progetto ritenuto dai residenti prioritario visto che le due scuole sono costruite in cemento-amianto e la Citterio, come dichiarato dall'Arp,a sorge su terreno che è stato definito inquinato. 

I residenti pensavano che ormai fosse fatta: dal Comune l'ok la realizzazione di tre plessi scolastici (Cittterio, Bellani e 10 classi del liceo carlo Porta). Anche il progetto di recupero di quell'area non piace al Comitato: quel progetto iniziale di trasformare l'ex mattatoio in una sorta di cittadella dello studio non è stato accolto come inizialmente proposto. "Dalle recenti delibere di Giunta solo la media Bellani verrà ospitata nell'ex macello, ma con uno spazio a disposizione molto inferiori rispetto alle reali esigenze della scuola e senza quell'auditorium fondamentale per un istituto a indirizzo musicale".

Ma quello che maggiormente preoccupa i residenti è la variante al Pgt (Piano di governo del territorio) che prevde la realizzazione nello spazio dove un tempo di macellavano gli animali di realizzare case private. "Così le abitazioni toglieranno spazio alle scuole", aggiungono. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basta cemento e case private: un flash mob davanti all'ex macello

MonzaToday è in caricamento