Desio, i bimbi mai nati adesso saranno sepolti in urne di legno

Fino ad oggi venivano inumati in grosse scatole di cartone con la scritta "Rifiuti speciali". fra pochi giorni i volontari di un'associazione cattolica pagheranno a proprie spese delle urne di legno in tutto simili a quelle per le cremazioni

Gli scatoloni con la scritta "Rifiuti speciali" (foto MM)

DESIO – Mai più dentro scatole di cartone. Con quella scritta «Rifiuti speciali» sul coperchio. Presto saranno sepolti in apposite urne di legno i «bimbi mai nati»: quel che rimane dei feti abortiti all’ospedale di Desio. Un tempo i poveri resti venivano bruciati nel forno inceneritore. Poi, in Lombardia, una legge regionale ha imposto di dedicare un'area apposita di ogni cimitero a questo genere di sepolture. Tuttavia, l’inumazione era eseguita dagli addetti del Comune senza una preghiera, nessuna cerimonia o momento di commiato.

Di  questo ha iniziato a occuparsi l'associazione ultracattolica «Ora e labora in difesa della vita». Da alcuni mesi  i volontari si presentano al cimitero nel momento delle inumazioni per recitare una preghiera e deporre fiori al momento della sepoltura. Da qualche mese – in accordo con il parroco - assicurano anche la presenza di un sacerdote che impartisce una benedizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'INTERVISTA: CONTROCANTO/ "DIFENDERE LA VITA MA SENZA GIUDICARE"

UN PASSO AVANTI - A partire dalle prossime settimane, ci sarà un ulteriore passo avanti. I resti dei «bimbi mai nati» non saranno più sepolti dentro scatole di cartone (fornite dall’ospedale) con la scritta "Rifiuti speciali", ma in urne di legno in tutto simili a quelle utilizzate per ospitare le ceneri dei morti. « Si tratta di piccole cassette dignitose – ha spiegato Giorgio Celsi, presidente dell'associazione – che pagheremo con i nostri soldi. E’ un gesto di rispetto verso resti mortali di quella che per noi è vita umana, e dunque qualcosa di sacro». Attivo da alcuni mesi al cimitero di Desio, il servizio è stato esteso anche a Giussano e a Busto Arsizio. Presto sarà presente anche a Monza. L’idea è quella di portarla in tutti i cimiteri lombardi, che sono migliaia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento