menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Apache

Apache

Pastore tedesco segregato in un recinto al freddo: salvato dall'Enpa

L'intervento congiunto dei volontari dell'Enpa di Monza e dell'Oipa dopo la segnalazione in zona Libertà: Apache ora sta meglio

Era abbandonato a se stesso e alle intemperie del freddo in un recinto isolato, senza acqua e affetto.

Alla triste reclusione di Apache, questo il nome con cui i volontari dell’Enpa hanno ribattezzato il pastore tedesco sequestrato, ha messo fine, il 24 gennaio scorso, un intervento delle guardie eco-zoofile dell'OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) di Milano e dell’Enpa di Monza e Brianza.

In seguito a una segnalazione per un presunto maltrattamento i volontari si sono recati in zona Libertà, a Monza, e qui hanno trovato un pastore tedesco di 10 anni, segregato perennemente in un recinto isolato, in pessimo stato igienico e in precarie condizioni di salute. Il cane era sottopeso, affetto da dermatite, otite bilaterale e con piaghe con ferite purulenti.

L’animale, di proprietà di un anziano da tempo malato e non più in grado di accudirlo, è stato trascurato dal figlio del padrone che si è giustificato dicendo di non avere tempo a disposizione per occuparsene. Apache è stato così sequestrato e affidato in custodia al canile di Monza in via Buonarroti 52.

Ai proprietari per il maltrattamento dell’animale sono state comminate diverse sanzioni amministrative per violazioni del regolamento comunale sulla tutela e benessere animale che prevede l'obbligo di detenzione con cura per la tutela fisica e comportamentale, di visita veterinaria quando necessaria e di soddisfazione delle esigenze fondamentali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento