rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Sequestrate 54 tonnellate di pellet

L'ingente carico, proveniente dalla Russia, era destinato al commercio al dettaglio

Quelle 54 tonnellate di pellet proveniente dalla Russia sarebbero finite sul mercato nazionale e avrebbero riscaldato le fredde giornate di tantissime famiglie.

Ma i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Como in servizio presso la Sezione Operativa Territoriale (SOT) di Montano Lucino, in collaborazione con i militari del Gruppo Guardia di Finanza di Como, le hanno sequestrate.

54 tonnellate di pellet importantato dalla Russia e confezionato in sacchi di 15 kg ciascuno, pronti per la vendita al dettaglio non sono finite sugli scaffali dei negozi e della grande distribuzione.

A seguito di analisi effettuate dai laboratori chimici dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, volte a verificare l’eventuale presenza di sostanze nocive e la conformità alle prestazioni energetiche previste dalla normativa di settore, è stato accertato che la partita fermata risultava avere un valore di ceneri superiore, e una capacità calorica inferiore rispetto a quanto esposto sulle confezioni.

"Si tratta dei parametri di qualità più importanti nel mercato del pellet e la falsa indicazione dei relativi valori sull’etichettatura configura il reato di frode in commercio", precisano dalla Adm.

È quindi scattato il sequestro della merce e l’importatore, titolare di una ditta individuale attiva nel comasco, è stato denunciato ai sensi degli articoli 515 e 56 del codice penale (frode in commercio, delitto tentato).

L’attività svolta si inquadra nel sistema dei controlli diretti a contrastare non solo illeciti tributari, ma anche extratributari, quali quelli aventi ad oggetto la violazione delle norme dirette alla tutela del mercato legale, attraverso l’azione sinergica dei funzionari ADM e dei militari della Guardia di Finanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrate 54 tonnellate di pellet

MonzaToday è in caricamento