Venerdì, 19 Luglio 2024
Indagini e operazioni

L'uomo (nullatenente) che postava sui social foto con auto di lusso e Rolex: maxi sequestro in Brianza

Sequestrati 225mila euro a un 49enne residente in provincia sul conto del quale è emersa una presunta attività di prestiti a tassi usurai. Tra le vittime un commercialista brianzolo

Il sospetto che dietro a un patrimonio cospicuo accumulato da un 49enne residente in Brianza ci fosse una attività di concessione di crediti a tassi d’interesse usurari. E un maxi sequestro da oltre 200mila euro tra contanti e orologi Rolex.

La guardia di finanza del comando provinciale di Monza, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo brianzolo, ha sequestrato soldi e orologi di lusso per un valore di oltre 225mila euro a un 49enne residente in provincia, dedito alla commissione di presunte condotte di usura. L’indagine, sviluppata dai militari del Gruppo di Monza, è stata avviata a seguito dopo una attività di monitoraggio del mercato dei capitali dove è stato identificato un soggetto indiziato di concedere credito a tassi d’interesse usurari. Sono stati eseguiti accertamenti patrimoniali sul conto dell’indagato e dei membri della sua famiglia insieme a una attività di osservazione e pedinamento, realizzate anche attraverso il monitoraggio dei social network tramite i quali è stato rilevato uno "stile di vita assolutamente sproporzionato rispetto a quanto ufficialmente dichiarato al Fisco" (per il quale risultava formalmente nullatenente) ed alla reale ricchezza disponibile, tra cui autovetture di grossa cilindrata e altri beni di lusso.

I finanzieri nell'ambito delle indagini hanno rilevato "un’anomala operatività finanziaria, caratterizzata da frequenti versamenti di denaro contante e ripetuti accessi presso una cassetta di sicurezza detenuta presso un istituto bancario".

Il commercialista brianzolo vittima di usura

Vittima del presunto business di usura sarebbe stato un commercialista brianzolo che, a fronte di un prestito di 45.000 euro, avrebbe restituito in due anni a solo titolo di interesse circa 73mila euro, con un saggio di quasi il 190% annuo. Ed è scattato così il sequestro preventivo d’urgenza (successivamente convalidato sia dal Pubblico Ministero titolare delle indagini, sia dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Monza, oltre che vagliato positivamente dal Tribunale del Riesame) per 130.000 euro e sette orologi Rolex, dal valore complessivamente stimato di oltre 95.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'uomo (nullatenente) che postava sui social foto con auto di lusso e Rolex: maxi sequestro in Brianza
MonzaToday è in caricamento