Sergio Bramini, l'imprenditore monzese fallito "per colpa dello Stato"

Da imprenditore di successo al lastrico. Sergio Bramini, settantenne monzese, nonostante il credito di 4 milioni di euro di euro nei confronti dello Stato, ha dovuto dichiarare fallimento e ora ha perso non solo il lavoro a cui aveva dedicato tutta la vita ma anche la sua casa da cui rischia di dover andarsene. Una vicenda giudiziaria assurda che va avanti da tempo quella di Sergio che ha visto la sua abitazione messa all'asta e a cui è stato notificato l'ordine di sfratto. Poi l'ennesimo rinvio che però non cancella il problema e l'ingiustizia. Dopo essere stato per decenni un imprenditore di successo nel campo della gestione dei rifiuti, Bramini vantava un credito di diversi milioni di euro nei confronti della pubblica amministrazione in Calabria e in Sicilia ma questi soldi non sono mai arrivati. E così è iniziato un incubo. "Adesso questi soldi mi sono ritornati indietro come debitore" ha detto Sergio Bramini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento