Cronaca Libertà / Via Roberto Ardigò

Segni sui citofoni, la città in allarme per i furti

In diverse vie di Monza sui campanelli dei condomini sono apparsi alcuni simboli che possono passare inosservati ai più ma per i malviventi rappresentano un vero e proprio codice

Pochi tratti, spigolosi, veloci e appena accennati che però indicano molto.

Una donna sola in casa, la presenza di un cane, un obiettivo davvero buono da colpire o ancora una casa già visitata.

Sono questi i principali segnali che i rom lasciano sui citofoni delle case durante giri di perlustrazione finalizzati a una chiara mappatura dei condomini da visitare. 

Quando questi simboli appaiono sui campanelli non è mai un buon segno, tanto meno quando accanto a un cognome c'è una specie di rombo che indica l'assenza del proprietario oppure ancora una X, indice che il bottino potrebbe essere interessante.

A Monza questi ghirigori sono comparsi in diverse vie e hanno subito allarmato i residenti. A dare l'allarme sono stati i residenti di via Ardigò ma a ricevere la visita dei topi d'appartamento sono stati anche gli abitanti di altre zone tra cui via Solone e via Boito.

Qualche giorno fa una donna è stata intercettata in zona Cederna mentre tentava di avvicinare persone anziane con la scusa di essere amica del consorte per farsi invitare in casa ed estorcere soldi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segni sui citofoni, la città in allarme per i furti

MonzaToday è in caricamento