Spara per sbaglio al figlio mentre è a caccia: dramma sfiorato a Villa d'Adda

Il figlio, 34 anni è stato accompagnato in gravi condizioni all'ospedale Manzoni di Lecco

Doveva essere una battuta di caccia in famiglia e invece l'uscita del weekend di un uomo di 58 anni insieme ai suoi due figlio si è trasformata in un drammatico incidente. 

I tre da venerdì sera si trovavano in una zona della bergamasca per un ritiro di caccia in un vigneto dove si dovevano occupare dei tassi ma sabato mattina, a Villa d'Adda, all'alba il padre per sbaglio, credendo si trattasse di un animale in movimento dietro un cespuglio, ha sparato al figlio, colpendolo alla testa.

A sparare è stato il fucile dell'uomo che ha ferito gravemente il 34enne che è stato soccorso e trasferito in gravi condizioni all'ospedale Manzoni di Lecco. Secondo la prima ricostruzione, dopo l'intervento dei carabinieri, il 58enne sarebbe stato indagato per lesioni colpose aggravate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

Torna su
MonzaToday è in caricamento