Cronaca

Detenuto si toglie la vita, dramma in carcere

Ennesimo episodio di una vera e propria strage. Avrebbe ingerito il gas della bomboletta in dotazione ai reclusi per scaldare e cucinare vivande

Un altro suicidio nel carcere di Monza. E' successo poche ore fa: un detenuto avvrebbe inalato il gas della bomboletta in dotazione a tutti i reclusi per riscaldare e cucinare cibi e bevande. Lo comunica Donato Capece, segretario generale del Sappe, il sindacato autonomo della polizia penitenziaria (la sigla più rappresentativa della categoria).

"Sarebbe il momento - commenta Capece - di rivedere il regolamento e la possibilità che i detenuti continuino a mantenere questi oggetti nelle celle. Spesso infatti servono o come oggetto per offendere i poliziotti o come veicolo suicidario".

Capece snocciola i numeri della grave situazione in cui versa il carcere monzese: "705 detenuti a fronte di 400 posti, almeno il 30 novembre scorso. Il suicidio in carcere - continua - oltre che una tragedia personale è sempre una sconfitta per lo stato".

LA NOSTRA INTERVISTA A ALESSIA MOSCA (PD) SUL CARCERE

Secondo Capece la polizia penitenziaria nel 2010 ha sventato ben 1.137 tentativi di suicidio oltre a numerosissimi atti di autolesionismo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto si toglie la vita, dramma in carcere

MonzaToday è in caricamento