Tifosi del Milan assaltano un bar a Roma, due feriti gravi: arrestato un 19enne di Monza

Gli scontri si sono verificati dopo la finale di coppa Italia, Milan-Juve, mentre i supporters rossoneri lasciavano la Capitale. Ferite gravemente due persone. Arrestato un ragazzo

Le mazze e i coltelli sequestrati

Un vero e proprio assalto. Un blitz in piena regola. Pochi minuti per colpire, lasciare due persone ferite a terra e scappare. 

Post partita da incubo quello di Milan-Juve, finale di coppa Italia giocata sabato sera a Roma e vinta dai bianconeri con un gol di Morata. Alla fine della gara, mentre i pullman dei tifosi rossoneri lasciavano la Capitale, alcuni tifosi hanno fatto irruzione in un bar di via Leone IV, in zona Prati, scagliandosi contro i presenti con bastoni e coltelli. 

Ad avere la peggio sono stati due uomini, un ventiseienne e un quarantenne, feriti gravemente e trasportati in ospedale. I due, secondo le informazioni fornite dalla questura di Roma, sono stati colpiti alle spalle e al costato e sono ora ricoverati in prognosi riservata

Immediato l’intervento della polizia sul posto, dove gli agenti hanno sequestrato alcuni degli oggetti usati durante gli scontri. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, “l’aggressione è stata perpetrata da un gruppo di tifosi di fede milanista che stavano lasciando la capitale a bordo di autobus turistici”.  

La polizia ha immediatamente individuato i tre pullman su cui viaggiavano gli aggressori e tutti i duecento passeggeri sono stati identificati. Settantuno tifosi - questi i primi provvedimenti - sono stati denunciati per la “violazione dell’art. 6 bis e ter della Legge 401/89” e per loro è scattato il Daspo. Sono scattate le manette, invece, per Kevin P. un tifoso rossonero di diciannove anni, incensurato e residente a Monza, che sarebbe tra gli esecutori materiali dell’aggressione ed è accusato di tentato omicidio. 

Durante le perquisizioni, ha reso noto la questura, sono stati sequestrati sette coltelli e mazze di legno - trovati proprio nei pressi del bar di via Leone IV, e - all’interno di uno dei tre pullman - un’altra mazza di legno, vari cacciaviti, fumogeni, due bomboni, hashish e marijuana.

Al momento non sono chiare le motivazioni alla base dell'assalto al locale, né le identità dei feriti. Quel che è certo è che tra la Milano e la Roma calcistica non scorre buon sangue, dopo l'omicidio - nel 1989 - di Antonio De Falchi, il tifoso giallorosso diciannovenne rimasto ucciso in un agguato dei supporters rossoneri fuori da San Siro prima di un Milan-Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tifosi giallorossi, infatti, avevano protestato e non poco contro la Lega per la scelta di destinare ai milanisti la curva Sud, storica "casa" del tifo romanista. Prima e durante la gara, però, tutto sembrava essere andato per il meglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento