Cronaca piazza trento e trieste

Occhio alla truffa: come riconoscere un malintenzionato

Contro le truffe e i raggiri ai danni degli anziani Monza scende in campo con un programma di prevenzione e un incontro pubblico di presentazione del progetto realizzato dall'Associazione Nazionale Carabinieri, con la collaborazione del programma Striscia la Notizia

Estrema cura nell'abbigliamento, affabilità ed eccesiva cordialità, disponibilità ad ascoltare e a far parlare.

Sembrerebbe il ritratto di un amico e invece è l'identikit del truffatore.

Sono questi infatti i caratteri che, insieme all'insistenza, alla rapidità d'azione, al senso d'urgenza e all'elemento della distrazione, sono stati delineati da Vincenzo Panza come le costanti che, al di là dei diversi travestimenti che un malintenzionato può assumere, restano fissi.

Panza dell'Associazione Nazionale Carabinieri Sezione Brugherio ha definito la truffa come "uno dei reati più odiosi perchè destinato alle persone più deboli" e, parlando di come è nata l'idea del format che verrà presentato alla cittadinanza giovedì alle 15.30 all'Urban Center, ha sottolineato che tutto è partito da Brugherio dopo le numerose denunce relative al fenomeno ricevute.

"La fantasia criminale è tale da andare contro le più tradizionali raccomandazioni" ha aggiunto Panza che, insieme all'assessore alle Politiche Sociali Bertola, ha spiegato l'importanza della prevenzione contro le truffe agli anziani soprattutto in questo momento critico dell'anno quando, con il sopraggiungere dell'estate, la rete di rapporti delle persone più avanti con l'età si impoverisce perchè escono meno e hanno più bisogno di compagnia e di chiacchiere.

Un'importante collaborazione al programma di prevenzione è stata data dall'azienda Acsm Agam attraverso la società controllata Enerxenia.

Il Presidente Roberto Colombo ha infatti ribadito che nessun operatore della società è incaricato di effettuare vendite porta a porta e nemmeno di presentarsi a casa per il controllo delle bollette e di diffidare da chi si spaccia per operatore della società proponendo e facendo sottoscrivere contratti, dietro raggiro, di cambio fornitura. 

Il progetto, già presentato in 39 città italiane, verrà illustrato giovedì pomeriggio alle ore 15.30 all'Urban Center.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occhio alla truffa: come riconoscere un malintenzionato

MonzaToday è in caricamento