menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli imprenditori, il commercialista e le finte Coop: la maxi truffa da 17 milioni di euro

Scoperto giro di false fatture per 17 milioni di euro. In manette tre persone. I dettagli

Avrebbero creato una serie di Coop false, intestate a persone introvabili. Avrebbero poi usato quelle stesse Coop per emettere fatture destinate al proprio consorzio. E alla fine con quel consorzio avrebbero lavorato tanto, riuscendo a offrire prezzi decisamente più vantaggiosi degli onesti. 

Tre uomini, due imprenditori e un commercialista, sono stati arrestati lunedì mattina dalla guarda di finanza di Sesto San Giovanni in esecuzione di un'ordinanza del Gip del tribunale di Monza perché ritenuti "promotori e organizzatori di un'associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale". 

L'indagine dei militari è partita da un consorzio di Cologno Monzese che forniva lavoratori a numerose imprese della zona. "Dalle investigazioni svolte - scrivono in un comunicato i finanzieri - le Fiamme Gialle hanno scoperto come la collaudata associazione a delinquere, attraverso la gestione di società cooperative consorziate e di società 'cartiere', abbia architettato una frode all’Iva mediante l’emissione e l’utilizzo di fatture". 

In sostanza, stando alle accuse, gli imprenditori e il commercialista avrebbero assunto i lavoratori attraverso le cooperative - nonostante fossero gestiti direttamente da loro - e avrebbero emesso fatture intestate al consorzio per lavori mai fatti, ignorando il versamento delle imposte. "Con tale sistema il consorzio, pur mostrando apparentemente una situazione contabile regolare, otteneva un illecito e consistente vantaggio dal punto di vista fiscale, grazie alle fatture fittizie ricevute, che gli consentivano di indicare redditi irrisori nelle dichiarazioni annuali e, inoltre, di porsi sul mercato a prezzi altamente concorrenziali rispetto alle aziende che assolvono regolarmente tutti gli obblighi fiscali", sottolineano i finanzieri.

Il giro d'affari stimato, che ha coinvolto otto società e 20 persone, è di circa 17 milioni di euro. Durante il blitz, le fiamme gialle hanno anche messo le mani su soldi e immobili per un valore di 4 milioni di euro, che sono stati sequestrati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento